Carovita: dalle zucchine alla pasta, i 10 prodotti del supermercato che sono aumentati di più in un anno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I forti rincari dei prodotti alimentari nel 2022 mettono a dura prova l’economia italiana, come confermato dai dati di Altroconsumo e ISTAT

Secondo le analisi di Altroconsumo e i dati di ISTAT, il 2022 è stato un anno da record per l’inflazione: si stima infatti un vertiginoso aumento dei prezzi dei prodotti alimentari di circa l’8,1%.

Nel periodo della pandemia la percentuale era addirittura diminuita dello 0,2% rispetto al 2019.

Per gli italiani, tra i prodotti più costosi nel 2022 ci sono purtroppo anche molto prodotti di prima necessità come pane, cereali, farine, pasta e riso.

Anche i prezzi di carne (soprattutto quella di pollo) e pesce sono aumentati.

All’appello non mancano latte fresco, che registra un aumento del 20% circa; latte a lunga conservazione, che sfiora addirittura un aumento del 35%. In più yogurt, formaggi vari e uova.

I tre prodotti più cari di questo 2022 si confermano burro, oli alimentari e zucchero, che registra il 50% di aumento del prezzo.

Tuttavia anche i prodotti meno indispensabili come gelati, succhi di frutta e piatti pronti riportano significativi rincari.

L’associazione per la tutela e la difesa dei consumatori italiani (Altroconsumo) ha monitorato i prezzi dei prodotti alimentari sugli scaffali dei supermercati, ipermercati e discount, mese per mese durante tutto il 2022.

Questo per evidenziare ancor di più quanto gli aumenti dei prezzi, anche di prodotti di prima necessità, colpiscano i consumatori italiani di tutte le fasce economiche.

L’esperimento di Altroconsumo è stato quello di riempire un ipotetico carrello della spesa con soli 10 prodotti alimentari, i più comuni sulle tavole degli italiani come per esempio la pasta, la farina 00, latte, zucchero e caffè, passata di pomodoro e gli olii (extravergine e di girasole). Sono state considerate anche zucchine e banane sfuse dei supermercati ed ipermercati. Ecco la tabella elaborata dall’associazione dei consumatori su dati 

AUMENTO DEI PRODOTTI ALIMENTARI TRA OTTOBRE 2021 E OTTOBRE 2022
PRODOTTI DIFFERENZA 
Zucchine +58%
Olio di semi di girasole +51%
Zucchero di barbabietola +51%
Farina di grano tenero tipo 00 +37%
Latte UHT +32%
Pasta di semola +23%
Passata di pomodoro +21%
Olio Extravergine d’Oliva +18%
Banane +14%
Caffè in polvere +9%

Il totale dei 10 prodotti, se la spesa fosse stata fatta nel 2021,sarebbe stato pari a 20,45€. Mentre, la stessa spesa fatta nel 2022, comportava un costo superiore di 25,45€ registrando quindi un aumento del 24%.

Le cause di questi significativi aumenti sono molteplici: in primis il conflitto tra Russia ed Ucraina con la conseguente tensione sui prezzi energetici che di certo ha avuto un grande impatto anche sui prezzi dei prodotti alimentari.

Tuttavia i costi di alcuni di questi hanno cominciato ad aumentare anche prima del tragico conflitto. Le cause sono da imputare alla crisi climatica e alle varie chiusure e riaperture a seguito della pandemia da Covid-19.

Fonte: Altroconsumo

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureanda in Biologia all’Università Federico II di Napoli. Amo la natura e gli animali

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook