Creati rivoluzionari imballaggi biodegradabili in grado di uccidere i batteri dannosi per il cibo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il materiale innovativo potrebbe rappresentare la svolta verso una conservazione più sostenibile e sana dei cibi freschi

Il materiale innovativo messo a punto dai ricercatori potrebbe rappresentare la svolta verso una conservazione più sostenibile e sana dei cibi freschi

Le confezioni di cibo fresco, oltre ad essere molto inquinanti poiché realizzate in plastica, possono essere poco salutari per la nostra salute: spesso, infatti, al loro interno si annidano batteri e microbi che proliferano e fanno marcire prodotti fragili come ortaggi e frutta fresca. Per risolvere sia il problema dei rifiuti che quello dei batteri, un team di ricercatori della Nanyang Technological University di Singapore ha messo a punto uno speciale materiale per imballaggi destinato al contatto con alimenti freschi, completamente biodegradabile e in grado di uccidere i microbi dannosi per il nostro cibo – in modo da prolungarne la freschezza e la durata di conservazione anche di due o tre giorni.

Gli imballaggi usati per contenere cibo e bevande sono una vera e propria piaga, poiché rappresentano circa i tre quarti di tutti i rifiuti dispersi negli oceani del mondo; inoltre, solo realizzati con materiali plastici, derivanti dal petrolio e difficilissimi da smaltire – finendo negli oceani, si distruggono creando microplastiche pericolosissime per gli ecosistemi e per la salute degli animali e dell’uomo. Ecco perché trovare soluzioni alternative e più sostenibili ai packaging tradizionali è tanto necessario.

Il nuovo materiale è stato pensato per la realizzazione di imballaggi atti a contenere carne cruda, pesce, frutta, verdura e piatti pronti – tutti alimenti freschissimi e facilmente deperibili, che spesso vanno a male prima che noi riusciamo a consumarli e che quindi vengono sprecati: proprio la loro freschezza alimenta le comunità microbiche che li aggrediscono, portandoli al deterioramento in pochi giorni. Ma ora, grazie a questa bio-plastica che isola il cibo dai microbi, anche frutta e carne dureranno di più.

Il nuovo materiale non deriva dal petrolio, come la tradizionale plastica, ma da una proteina del mais (chiamata zeina) e da altri biopolimeri di derivazione naturale; a questi “ingredienti” sono stati poi aggiunti antimicrobici naturali come olio di timo e acido citrico. Ecco allora che, se esposte a cambiamenti nell’umidità dell’ambiente o all’azione di batteri nocivi, le fibre della bio-plastica rilasciato le sostanze antimicrobiche uccidendo i batteri che danneggiano gli alimenti (E. coli, Listeria o funghi): si tratta di sostanze commestibili, che quindi non danneggiano il cibo contenuto all’interno della confezione. È importante sottolineare che le proprietà antibatteriche del packaging si attivano solo se necessario: questo garantisce alla bio-plastica di durare anche mesi.

I primi esperimenti nell’uso della bio-plastica hanno dato risultati incoraggianti: le fragole avvolte in una confezione realizzata con questo materiale si sono mantenute fresche per sette giorni prima di sviluppare la muffa – diversamente dalle fragole contenute in confezioni di plastica, che si sono conservate fresche solo per quattro giorni. Purtroppo però c’è da considerare i costi più elevati di questo nuovo tipo di materiale: gli inventori stimano un aumento del 50% rispetto al costo di un imballaggio in plastica tradizionale.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Nanyang Technological University 

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook