Si aprono le porte della villa di Alberto Sordi, una mostra per il re della commedia all’italiana

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

100 anni fa, per l'esattezza il 15 giugno 1920, nasceva il mitico Alberto Sordi, re della commedia all'italiana, a cui facciamo tanti auguri.

Lite tra elefanti

Si aprono le porte di villa Sordi, con la mostra dedicata ad Albertone (“Il Centenario – Alberto Sordi 1920-2020”). L’esposizione è da poco aperta al pubblico, dopo il blocco causato dal coronavirus che ne aveva fermato l’inaugurazione.  Da oggi chiunque potrà entrare e scoprire i tanti segreti dell’attore italiano. 

Il 15 giugno 1920, nel Rione Trastevere, nasceva il mitico Alberto Sordi, figlio di un maestro strumentista e di una maestra. Nella sua lunga carriera recitò in circa 200 film venendo riconosciuto come uno dei maggiori interpreti della commedia all’italiana.

La sua infanzia trascorse tranquilla in quel di Valmontone, poi nel 1937 tornò a Roma per studiare canto lirico. Aveva infatti una voce da soprano e ben presto divenne doppiatore, lavorando anche in radio dove ottenne parecchia notorietà.

L’accento romano non scomparve mai e se da un lato gli causò problemi, dall’altro fu anche la chiave del suo successo. Lo compresero perfettamente Vittorio De Sica e Federico Fellini, che lo coinvolse ne “Lo sceicco bianco” e ne “I vitelloni”.

Tra il 1953 e il 1955 Sordi iniziò a essere sempre più ricercato e popolare, divenendo protagonista di film indimenticabili che hanno fatto la storia del cinema, da “Un americano a Roma” a “Un giorno in pretura” fino a “Piccola posta”.

I personaggi che interpretava erano spesso comici anche se non mancarono le interpretazioni drammatiche come ne “La grande guerra” di Mario Monicelli, dove dimostrò grande versatilità recitativa. Ma fu la commedia di costume a privilegiarlo contribuendo a renderlo interprete dei difetti dell’italiano medio. In effetti è così che in molti continuano a ricordarlo, furbetto, dongiovanni, vigliacco ma fondamentalmente buono.

Tuttavia dietro alla “maschera” dell’attore si celava una personalità molto riservata, si dice infatti che si fidasse solo della sua famiglia e fu sempre molto riservato anche sulla sua vita privata. Non ebbe figli, non si sposò mai, e l’unica relazione sentimentale accertata fu quella con Andreina Pagnani.

In occasione del centenario, quindi, parte finalmente la mostra “Il Centenario – Alberto Sordi 1920-2020” proprio nella sua villa romana alle Terme di Caracalla.

Per maggiori informazioni clicca qui

Ti potrebbe interessare anche:

Addio a Max Von Sydow, l’attore di Game of Thrones, L’esorcista e Il settimo sigillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook