Kim Kardashian noleggia un aereo e salva 35 calciatrici afghane e le loro famiglie

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

35 giovani calciatrici afghane sono atterrate insieme alle loro famiglie in Inghilterra grazie ad un volo noleggiato da Kim Kardashian

Come conservare al meglio le fragole

Alla fine ce l’hanno fatto: un paio di giorni fa 35 calciatrici afghane insieme alle loro famiglie sono atterrate nel Regno Unito, sfuggendo alla brutalità del regime talebano. La missione è stata resa possibile grazie alla mobilitazione di Kim Kardashian, che ha noleggiato un aereo privato per prelevare le giovani atlete e i loro parenti dal Pakistan e portarli al sicuro in Inghilterra.

È un gran privilegio far parte di questa missione per salvare la squadra nazionale giovanile femminile afghana! – ha twittato la celebre imprenditrice e modella statunitense, pubblicando un video che mostra l’euforia delle atlete per la loro nuova vita – Tutte le ragazze hanno il diritto di diventare ciò che vogliono essere. Sono coraggiose ed è tragico che abbiano dovuto lasciare il loro Paese perché desiderano praticare uno sport che amano.

Ma possiamo dire che l’operazione di salvataggio è stato un vero e proprio lavoro di squadra: per la riuscita è stato decisivo l’intervento di Khalida Popal, ex capitana dell’Afghanistan nazionale femminile, che ha guidato tutte le fasi dalla Danimarca, Paese in cui vive oggi. Fondamentale anche il supporto dell’italiano Andrea Radrizzani, presidente di Leeds United, club calcistico che ha offerto il proprio aiuto per la permanenza delle calciatrici e dei loro parenti in Inghilterra.

Il calcio femminile afghano è stato costruito sull’attivismo per usare il potere delle nostre voci per l’emancipazione delle donne e la giustizia oltre lo sport – ha raccontato Khalida Popal – Questa squadra ne ha passate tante e ha fatto molti sacrifici durante il suo viaggio verso la libertà. 

Leggi anche: Vittoria! Queste donne afghane della onlus Pangea hanno finalmente lasciato Kabul

Una nuova vita attende le giovani calciatrice afghane 

Come anticipato, le calciatrici afghane e le loro famiglie si trovano adesso nel Regno Unito. Qui potranno continuare a fare ciò che amano di più: correre dietro a un pallone, un’attività (una delle tante) diventata illegale per le donne rimaste in Afghanistan.

Siamo lieti che le calciatrici della squadra giovanile femminile afgana e le loro famiglie, guidate dalla loro coraggiosa ex capitana Khalida Popal, siano sbarcate in sicurezza nel Regno Unito – ha commentato Radrizzani in una nota – Siamo onorati di aver svolto la nostra parte e siamo grati che il governo abbia consentito il loro reinsediamento nel Regno Unito. Questo dimostra il potere del calcio, e dello sport in generale, e mostra come la comunità calcistica sia in grado di collaborare e mobilitarsi per salvare vite umane. Attraverso Play for Change Charitable Trust e Leeds United siamo pronti a sostenere le ragazze e le loro famiglie nella costruzione di un futuro inclusivo e prospero. Non vediamo l’ora di vederle giocare di nuovo a calcio

Questa bellissima vicenda conferma che l’unione fa davvero la forza, non solo nello sport. Buona nuova vita, ragazze! Facciamo il tifo per voi!

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Twitter

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook