#FACCICASO: a Monterotondo la prima campagna comunale contro gli stereotipi di genere nei luoghi di lavoro

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il comune di Monterotondo lancia #FACCICASO, la prima campagna comunale che punta a far riflettere sul sessismo sui luoghi di lavoro

Le parole hanno un peso e contribuiscono a rafforzare gli stereotipi di genere. Lo sanno bene molte donne, che quotidianamente si ritrovano a essere sminuite, specialmente sui luoghi di lavoro. Quante volte vi sarà capitato di sentire chiamare qualcuno “dottore” un uomo laureato e semplicemente “signora” una donna con la stessa qualifica (o addirittura migliore)?! O ancora… di sentir definire un collega o un datore di lavoro “autorevole” se mostra determinazione, ma “aggressiva” nel caso in cui lo stesso atteggiamento riguardi una donna?

Questi sono soltanto alcuni esempi di luoghi comuni e stereotipi che caratterizzano la nostra quotidianità. Frasi proferite con grande leggerezza, a cui molti non prestano neanche più attenzione.

Per combattere il sessismo negli ambienti lavorativi il comune di Monterotondo (Roma) ha lanciato la prima campagna di sensibilizzazione che prende il nome di #FACCICASO. 

Troppo spesso continuiamo a pensare tramite stereotipi, abusati modi di dire, luoghi comuni, battute “divertenti” sulla diversità di genere, anche inconsapevolmente, finendo col contribuire alla creazione di uno scenario e di un rumore di fondo che inevitabilmente intacca e condiziona la quotidianità di ogni donna e fanno spesso da anticamera a fenomeni di abuso verbale e persino di violenza, psicologica e fisica” commenta Riccardo Varone, sindaco di Monterotondo. 

La campagna prevede una serie di appuntamenti, organizzati dalle Pari opportunità del Comune di Monterotondo, che nascono con l’obiettivo di accendere i riflettori sugli stereotipi di genere e tentare di cancellarli dalla nostra società.

Per l’iniziativa sono state realizzate e pubblicate sui social anche delle immagini che riportano alcuni esempi lampanti di espressioni stereotipate che, purtroppo, ancora nel 2021 fanno parte della nostra quotidianità:

Il progetto è indubbiamente lodevole, ma non sono mancate le polemiche. A quanto pare, infatti, le frasi scelte per la campagna social sono state riprese da una precedente campagna lanciata tempo fa da Hella Network, un collettivo di esperti che punta a promuovere una comunicazione inclusiva. Secondo quanto si apprende attraverso un post pubblicato dal collettivo la scorsa domenica, l’amministrazione comunale di Monterotondo avrebbe copiato l’idea senza avvisare. 

https://www.facebook.com/HellaNetwork/posts/432002671665072

E, in effetti, la somiglianza con la campagna di Hella Network è innegabile:

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonti: Comune di Monterotondo/Hella Network 

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook