In Colombia assassinati 145 attivisti solo nel 2021, per aver difeso ambiente e diritti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La Colombia è ancora lontana dalla difesa dei diritti umani, visto l'alto numero di vittime registrate ogni anno fra gli attivisti

La Colombia è ancora lontana dalla difesa dei diritti umani e dell’ambiente, visto l’alto numero di vittime registrate ogni anno fra gli attivisti: leader indigeni, sindacalisti e rappresentanti delle comunità rurali 

Il 2021 si è chiuso con un altro drammatico bilancio per l’attivismo per i diritti umani in Colombia: solo negli ultimi dodici mesi, infatti, si sono registrati 145 omicidi fra leader delle comunità locali, sindacalisti e difensori dei diritti, a causa dell’imperversare dei combattimenti fra bande armate in tutto il Paese. La maggior parte delle uccisioni è legata a gruppi armati illegali, e per molte delle vittime non è stato ancora arrestato un colpevole.

A rivelarlo l’ufficio della Defensorìa del Pueblo, con le parole di Carlos Camargo:

“le azioni dei gruppi armati illegali contro questa popolazione continuano a essere molto preoccupanti. Ripudiamo questi eventi che si verificano principalmente a causa delle azioni criminali di gruppi armati illegali”, ha aggiunto, in una dichiarazione e in un video pubblicato su Twitter.

Oltre ad essere il più grande produttore di cocaina al mondo, la Colombia è anche uno dei Paesi più violenti e pericolosi per gli attivisti, malgrado la stesura (nel 2016) di un accodo pacificatore con il più grande gruppo di rivoltosi, Forze armate rivoluzionarie della Colombia. Le bande armate, i gruppi criminali e quelli paramilitari di impianto politico (come i gruppi di estrema destra) continuano a farsi la guerra le une con le altre per il controllo dei cartelli della droga e delle risorse naturali, e questo sta generando una vera e propria escalation di violenza sul territorio nazionale.

La maggior parte degli omicidi è avvenuta in aree in cui operano i trafficanti di droga, secondo quanto riferito da fonti governative: i tre dipartimenti di Antioquia, Cauca e Valle del Cauca, corridoi del narcotraffico, sono i principali teatri delle violenze. Ma anche le proteste anti-governative violentemente represse dalle forze di sicurezza colombiane hanno provocato molte vittime (almeno 50) – mentre 32 rappresentanti indigeni, 16 leader di gruppi contadini e 7 sindacalisti sono stati uccisi in maniera violenta. Si tratta di cifre spaventose, ma comunque inferiori a quelle del 2020, quando si sono registrati ben 182 omicidi ai danni di difensori dei diritti civili e capi politici locali.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Defensorìa del Pueblo

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook