La scomoda inchiesta su Taranto, una delle zone più inquinate della terra, che abbiamo il dovere di sostenere

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Oggi, il costo della mancata transizione ecologica italiana ha il volto delle bambine e dei bambini di Taranto. Sosteniamo la docu-inchiesta 'Taranto chiama' Lo scorso gennaio l'Onu nel rapporto del Relatore speciale sulla questione del diritto umano al godimento di un ambiente sicuro, pulito, sano e sostenibile, ha definito la città pugliese “zona di sacrificio”, una delle più inquinate della Terra.

Da anni a Taranto mamme e padri, attiviste e attivisti, medici e scienziati denunciano il prezzo dell’inquinamento che stanno pagando sulle loro spalle. Sono storie di intere famiglie distrutte da tumori e leucemia, sono le storie delle bambine e dei bambini che faticano a respirare per colpa delle polveri metalliche.

Di questo e delle conseguenze della mancata transizione ecologica in Italia parla il nuovo progetto di docu-inchiesta e la campagna di crowdfunding “Taranto chiama” su Produzioni dal Basso di Rosy Battaglia, giornalista d’inchiesta e documentarista, ideatrice di Cittadini Reattivi, progetto di civic journalism su salute, ambiente e legalità.

Presentato oggi a Roma, il progetto di cui greenMe è media partner, sarà un viaggio su e giù per l’Italia con partenza da Trieste dove nel 2020 è stata chiusa la Ferriera fino a Taranto, dove l’ILVA è ancora attiva.

Un viaggio che durerà tre mesi, fino a dicembre 2022 e che ha bisogno del sostegno di tutti per vedere la luce. Attualmente, infatti, è stato realizzato solo il trailer ufficiale, adesso è stata lanciata la campagna di crowdfunding su Produzioni dal basso per poter dare voce a chi sta pagando il prezzo dell’Ilva.

Lo scorso 5 maggio, la Corte Europea per i Diritti Umani ha condannato lo Stato Italiano per ben quattro volte, dopo la sentenza del 24 gennaio 2019, in quanto “continua ancora oggi a non tutelare la salute dei cittadini dagli effetti delle emissioni nocive del siderurgico e non procede alle bonifiche di tutta la zona coinvolta dall’inquinamento”.

Secondo il Rapporto della Commissione ONU sui diritti umani poi: “Taranto è una zona di sacrificio. Una macchia indelebile sulla coscienza dell’umanità. Spesso create dalla collusione di governi e imprese, le zone di sacrificio sono l’opposto dello sviluppo sostenibile, danneggiando gli interessi di generazioni presenti e future. Le persone che abitano nella zone di sacrificio sono trattate come usa e getta, le loro voci ignorate, la loro presenza esclusa dai processi decisionali e la loro dignità e diritti umani calpestati. L’Acciaieria Ilva di Taranto in Italia, da decenni compromette la salute delle persone e viola i diritti umani scaricando enormi volumi di inquinamento atmosferico tossico”.

“Taranto chiama”, come si legge nella campagna, sarà un documentario-inchiesta puntuale, all’insegna dell’informazione indipendente, basato su fatti, dati e testimonianze di coloro che agiscono il cambiamento, raccolti in anni di inchieste sul campo. Per dare voce anche agli oltre 5 milioni di persone che, solo in Italia, vivono nelle zone più inquinate e pericolose per la salute umana e gli ecosistemi, i cosiddetti siti di interesse nazionale (SIN), la cui bonifica spetta sempre allo Stato italiano.

La richiesta fondi di 25 mila euro su un budget complessivo di 46mila euro, andrà a sostenere la produzione vera e propria, con il completamento di interviste e riprese, la promozione e la distribuzione del documentario che verrà presentato nel 2023 (salvo imprevisti). Il progetto parte con il sostegno di FNSI e Teamdev, con il contributo straordinario del Premio Marcellino de Baggis e con il patrocinio dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti e Articolo 21, di Afeva, Basta Veleni, ISDE Italia – Medici per l’ambiente, Peacelink, Genitori Tarantini, Comitato Cittadini e lavoratori Liberi e Pensanti, Comitato Donne e Futuro per Taranto Libera, Centro Studi Sereno Regis, Medicina democratica, Osservatorio per la comunicazione e l’informazione nella PA in Italia e in Europa dell’Università degli Studi di Salerno.

SOSTIENI LA PRODUZIONE ‘TARANTO CHIAMA’ CLICCA QUI

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook