Blu, lo street artist italiano che combatte petrolio e Muos con i graffiti (FOTO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Combattere la lobby del petrolio rivalorizzando gli spazi urbani con opere d'arte. E' possibile: lo ha fatto Blu, street artist italiano i cui graffiti fanno riflettere sul rispetto dell'ambiente, l'importanza della pace e gli orrori del capitalismo.

Combattere la lobby del petrolio rivalorizzando gli spazi urbani con opere d’arte. È possibile: lo ha fatto Blu, street artist italiano i cui graffiti fanno riflettere sul rispetto dell’ambiente, l’importanza della pace e gli orrori del capitalismo.

Inserito nella top ten dei più grandi artisti di strada due anni fa dal Guardian, ad agosto del 2011 (qui l’articolo), l’artista ci ha lasciato decine e decine di creazioni dense di significati a noi molto cari.

A partire da quella che ha realizzato sulla facciata di un palazzo di Lisbona, in Portogallo, probabilmente la più famosa (tanto da valergli l’accesso nell’olimpo dei graffitari). Mostra un uomo d’affari con in testa una corona adornata dai loghi delle imprese petrolifere più note, mentre tiene il pianeta tra le mani e ne beve il succo con una cannuccia.

Fu realizzata a un mese dal disastro della marea nera nel Golfo del Messico.

BP blu

Il suo scopo, ovviamente, è quello di farci riflettere sullo sfruttamento economico delle risorse della Terra da parte delle lobby fossili, che lo inquinano e saccheggiano indiscriminatamente.

Anche l’Italia è densa delle sue opere, da Taranto ad Ancona, passando per Niscemi. Proprio nella cittadina siciliana Blu ha lasciato il suo tributo alla lotta contro il Muos, l’impianto di comunicazione satellitare delle forze armate statunitensi che, insieme alle 46 antenne già esistenti, rappresenta il simbolo della militarizzazione e devastazione della Sicilia.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

Street Art: combattere i fast food proponendo ricette vere (FOTO)

Roadsworth, quando la street art reinventa la cultura del petrolio e dell’auto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook