L’orso M49 esce dal letargo ed è ancora in pericolo: vogliono abbatterlo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’orso M49 si è svegliato e riparte la caccia. Era stato catturato l’estate scorsa, ma era riuscito a scappare dal recinto elettrificato in cui era rinchiuso.

A suo favore era intervenuto anche il ministro dell’Ambiente Sergio Costa, entrando nel cuore di tutti gli Italiani, che hanno fatto il tifo per la sua salvezza. Ora “Papillon”, questo l’affettuoso nome che gli è stato dato, ha finito il suo letargo ed è stato già avvistato lunedì scorso, in Val di Fiemme.

Il plentigrado sarebbe in transitato in direzione di Carano e Daiano. Sulla sua testa pende ancora l’ordinanza del presidente della Provincia emessa lo scorso anno, tutt’ora valida.

Emesso lo scorso Luglio, il provvedimento prevede non solo la cattura, ma anche l’autorizzazione a procedere all’abbattimento “in caso di pericolo”:

“RICHIAMA E CONFERMA l’ordinanza n. 415057 del giorno 1 luglio 2019, onde evitare il ripetersi di situazioni di pericolo per l’incolumità e la sicurezza pubblica; E ORDINA al medesimo personale, ad integrazione della citata ordinanza n. 415057, qualora si verifichino situazioni che, in relazione al comportamento assunto da M49, possano determinare ulteriore pericolo grave ed imminente per l’incolumità di terzi o degli stessi operatori del Corpo Forestale trentino, di procedere all’abbattimento dell’animale”.

In molti continuano a fare il tifo per l’orso ribelle. L’Abruzzo si era addirittutra offerto per ospitarlo.

“Molti di voi mi hanno chiesto di accogliere l’invito dell’Abruzzo ad ospitare Papillon – aveva spiegato Costa -. Nel ringraziare gli amministratori che hanno proposto questa soluzione, dimostrando un’enorme sensibilità sul tema, voglio precisare che non ritengo opportuno che un orso trentino venga trasferito in Abruzzo, dove questa specie non esiste in natura.
Come molti di voi sanno, Papillon potrebbe mettere a rischio la già rara popolazione di orso marsicano che, purtroppo, presente in un numero limitato di esemplari, è in via di estinzione e, giustamente, estremamente tutelato. Ringrazio davvero tanto la comunità abruzzese, ma purtroppo non è una soluzione praticabile”.

Nessuno tocchi Papillon!

Fonti: Agenzia giornalistica Opinioni, L’Adige

Leggi anche:

Anche l’Alto Adige vuole uccidere l’Orso M49, l’appello del Ministro Costa per salvare Papillon

L’Abruzzo si offre di ospitare l’orso M49 per salvarlo

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook