Cambiamenti climatici: il rapporto dell'ONU spiegato con le illustrazioni degli autori (#clima2014)

clima 2014

Cambiamenti climatici? Eccoveli spiegati semplici semplici. Con l'uscita del Quinto volume, il rapporto dell'ONU sui cambiamenti climatici è completo e per nulla incoraggiante. Un mix di studi e proiezioni, un insieme di analisi e di valutazioni degli impatti, delle vulnerabilità e delle proposte per risolvere il problema e abbattere le emissioni di gas serra a livello globale che supera qualsiasi altra analisi. Ma di cosa realmente si parla?

Insomma, il Quinto Rapporto di Valutazione sui Cambiamenti Climatici ha segnato il 2014 e forse si può già considerare una delle pubblicazioni più rilevanti a livello globale su questo tema, di cui non tutti, però, hanno compreso l'importanza.

Per chi ancora nega che siano in atto un pericoloso riscaldamento globale e i cambiamenti climatici in generale, il rapporto mette nero su bianco tutti i pericoli cui andiamo incontro se non agiamo. E per rendere il messaggio più semplice e più accessibile a tutti è nato #clima2014, per spiegare con la voce degli esperti, attraverso immagini, video e illustrazioni, come e perché il clima che cambia interessa ciascuno di noi, per parlare dei rischi che corriamo e delle opportunità che, nonostante tutto, possiamo cogliere.

ipcc dicosaparla

Dall'ABC dello studio dell'Onu agli effetti dei cambiamenti climatici, da un focus sull'Europa e sul Mediterraneo alla analisi dei costi e dei benefici della mitigazione dei cambiamenti climatici fino alla spiegazione, termine per termine, di parole chiave come "sviluppo", "interdipendenza" o "transizione".

trasformare

#clima2014 è realizzato con il contributo di tre centri di ricerca sulla scienza, le politiche e l'economia dei cambiamenti climatici:

CMCC - Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici
FEEM - Fondazione Eni Enrico Mattei
ICCG - International Center on Climate Governance

QUI TROVATE TUTTI I VIDEO

Germana Carillo

LEGGI anche:

Clima, IPCC: ridurre le emissioni del 40-70% entro il 2050