F-abric: gli abiti della Freitag completamente biodegradabili e compostabili

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Che farne dei vecchi abiti che non mettiamo più? Anche se di cotone, riciclarli non è sempre possibile per via dei coloranti e di altre sostanze di cui sono fatti. Ma due fratelli, Markus e Daniel, sono riusciti a produrre e mettere in commercio dei vestiti che, una volta inutilizzabili, possono finire direttamente nel secchio del compost e diventare concime per piante e fiori.

Abiti organici, potrebbero essere definiti, e biodegradabili al 100%. Un’idea che nasce in realtà da un team al lavoro da tempo su questo filone: i due fratelli infatti non sono altro che i celebri produttori svizzeri Freitag che conoscevamo già per le loro borse green.

In realtà, eravamo solo alla ricerca di abiti da lavoro adatti ai nostri collaboratori. Poi ci siamo accorti che stavamo cercando qualcosa che ancora non esisteva – un tessuto robusto, prodotto in modo sostenibile e compostabile, made in Europe. Ecco perché abbiamo deciso di sviluppare personalmente sotto il nome F-ABRIC i prodotti tessili, dalle fibre ai capi finiti, in grado di soddisfare al 100 % i nostri requisitispiegano.

Anche se alcuni abiti sono fatti di fibre naturali come il cotone, la maggior parte di essi non può essere riciclato come compost. Ma Freitag ha progettato una nuova linea di abbigliamento sicura e adatta a diventare concime per i nostri giardini.

I tessuti F-ABRIC sono fatti con fibre vegetali liberiane lino e canapa e da Modal, tutte risorse cresciute in suolo europeo – e tuttavia senza danneggiarlo o consumare troppa acqua inutilmente. Rispetto alle catene produttive dei prodotti tessili tradizionali, infatti, la trasformazione dalle fibre al prodotto finito è breve. Assicurano i produttori che tutte le fasi di creazione del prodotto avvengono a non più di 2500 km di distanza dalla loro sede. Al momento le vendite sono aperte solo al mercato europeo.

Freitag fratelli

Che sia per coscienza ecologica o per motivi di salute, nessuno ama indossare abiti tossici. Per questo riduciamo al minimo il ricorso a prodotti chimici per la coltivazione e la ulteriore lavorazione di F-ABRIC. In altre parole: F-ABRIC è conforme alla classe di prodotti I dell’Oeko-Tex® Standard – tanto che si potrebbe addirittura utilizzare per infagottare tranquillamente un neonato” raccontano sul loro sito.

E a fare la differenza, oltre ai materiali, sono anche i dettagli. I prodotti tessili F-ABRIC sono biodegradabili al 100 %, inclusi i fili delle cuciture e le cimose. In questo modo, il capo ritorna a essere nutrimento per nuove materie prime e il suo (ri)ciclo vitale può ricominciare.

Francesca Mancuso

Foto: Freitag Facebook

LEGGI anche:

Freitag, il venerdì la borsa è “green”

Non solo Freitag: eco-borse in PVC riciclato made in Italy

Vestiti e scarpe diventano compostabili e…monouso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook