Hai trovato una moneta rara? Prova a venderla online con questi trucchi (e accortezze)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I nostri portafogli e le nostre tasche possono custodire monete rare che valgono una vera fortuna. Persino qualche spicciolo, ad esempio una moneta da due euro, può rivelarsi un tesoro grazie al quale guadagnare un bel gruzzoletto. Sono sempre di più le persone che scelgono di vendere online le proprie monete rare, per le quali gli appassionati di numismatica sono disposti a pagare cifre molto elevate. Ma quali sono le monete che valgono di più? E dove riuscire a venderle online? eBay, ad esempio, può rivelarsi particolarmente indicato per i collezionisti.

Quali sono le monete rare (lire ed euro) che valgono di più

Alcune monete, sia vecchie lire che euro, possono avere un valore del tutto inaspettato, e ciò è dovuto, nella maggioranza dei casi, alla loro rarità. A volte sono monete con errori di conio (per questo considerate di valore), altre volte sono edizioni limitate nate a scopi commemorativi. Ecco quali non lasciarsi scappare.

Vecchie lire preziose

Lira Arancia del 1947

In questo caso raggiungiamo addirittura il valore di 1.500 euro, stiamo parlando di 1 Lira del 1947 con stato di conservazione FDC, che presenta da un lato una donna ornata di spighe e dall’altro un ramo di arancio con frutto.

5 lire del 1946

Le 5 Lire del 1946, le prime coniate dalla Repubblica Italiana, possono valere addirittura più di 1.200 euro. Queste monete si caratterizzano per la presenza di una donna con fiaccola su un lato e un grappolo d’uva sull’altro. Anche quelle coniate nel 1947 hanno valori potenzialmente molto alti.

5 Lire Delfino 1956

Le 5 Lire Delfino del 1956 vennero coniate in numero ridotto, 400 mila monete, e per questo hanno acquisito valore. Tant’è che possono valere più di 2.000 euro in stato di conservazione FDC.

10 Lire Olivo 1947

Queste vecchie 10 Lire sono molto rare e per questo possono valere oltre 4.000 euro.

50 Lire 1958

In condizioni ottimali le 50 Lire del 1958 possono valere intorno ai 2.000 euro.

Centesimi rari

1 centesimo con la Mole Antonelliana

Questa moneta da 1 centesimo venne coniata sbagliata, riporta infatti la Mole Antonelliana sul lato dritto al posto di Castel del Monte in Puglia. Sebbene sia stata immediatamente ritirata dal mercato, alcuni pezzi potrebbero circolare ancora, il loro valore si aggira intorno ai 2.500-3.000 euro.

50 centesimi Spagna del 2000

Sono 50 centesimi come tanti altri se non fosse che il loro valore è di circa 220 euro. Stiamo parlando della monetina spagnola da 50 cent del 2000 di color oro brillante: sul rovescio riporta la scritta “50 euro cent” e sul diritto “Cervantes / ESPAÑA / M”.

50 centesimi Francia del 1999

Il valore di questa moneta è di ben 350 euro e ciò si deve al suo aspetto antiquato. La moneta è francese e risale al 1999.

Monete rare da 1 euro

Per quanto riguarda le monete da 1 euro, tenete d’occhio vari esemplari. Innanzitutto quelle di Andorra del 2015, 2017 e 2018, in tirature limitate.

Interessante anche la seconda serie di monete da 1 euro dell’Austria con Wolfgang Amadeus Mozart. Da tenere d’occhio in particolare quelle del 2012, 2013, 2014 e 2015.

Arriviamo quindi all’Estonia e alle sue monete da 1 euro del 2016, interessanti perché la tiratura totale fu di 20.000 monete.

Le monete da 1 euro coniate nel 2016, 2017, 2018, in Olanda sono altrettanto interessanti. E per quanto riguarda la Repubblica di San Marino attenzione a quelle del 2003, 2005, 2007, 2008, 2011, 2012, 2016.

Monete rare da 2 euro

2 euro di San Marino del 2004

Le monete da 2 euro di San Marino coniate nel 2004, dedicate a Bartolomeo Borghesi, hanno un valore molto più alto di quello apparente. Che si aggira intorno ai 130-200 euro.

2 euro del Vaticano del 2005

Stessa cosa vale per le monete da 2 euro del Vaticano che, nel 2005, ne coniò 100mila per celebrare la Giornata della Gioventù svoltasi a Colonia. Il loro valore, se le condizioni sono ottimali, è di circa 300 euro.

2 euro del Belgio del 2006

Più di 300 euro valgono le monete da 2 euro del Belgio che ne coniò, nel 2006, 6 milioni. Queste monete riportano il monumento Atomium di Bruxelles.

2 euro di Monaco del 2007

Le monete da 2 euro di Monaco risalenti al 2007, coniate in 2.000 esemplari per omaggiare Grace Kelly, hanno un valore di addirittura 2.000 euro e oltre. Un vero tesoro!

Trucchi e accortezze per vendere le monete rare online

Prima di vendere delle monete rare online, è importante imparare a valutarle correttamente inserendo nella descrizione una serie di informazioni utili per il potenziale acquirente.

Innanzitutto bisogna sapere che il valore delle monete rare dipende, fra le altre cose, dal loro stato di conservazione, che viene calcolato sulla base di alcune caratteristiche. La scala di riferimento è la seguente:

FDC, fior di conio, ovvero monete con nessun segno di circolazione, in ottimo stato di conservazione, con superfici brillanti;

SPL, splendido, indica lo stato di conservazione delle monete che hanno circolato poco, con rilievi nitidi e pochissimi segni di consunzione;

BB, bellissimo, è lo stato di conservazione di monete che hanno circolato e presentano qualche piccoli segni di usura che, tuttavia, non rendono le parti illeggibili;

MB, molto bello, è lo stato di conservazione di monete usurate con alcune parti non leggibili;

B, bello, si tratta dello stato di conservazione di monete che hanno circolato molto, lisce e con gran parte dei rilievi scomparsi e parti illeggibili;

D, discreto, è lo stato di conservazione delle monete prevalentemente lisce che presentano rilievi appena accennati e che possono avere importanti segni deturpanti.

Infine la sigla FS (fondo specchio) non si riferisce a uno stato di conservazione ma indica un determinato procedimento di fabbricazione delle monete con fondi speculari, spesso con rilievi satinati.

Ma come valutare nella pratica lo stato di conservazione? Bisogna osservare attentamente le monete con una lente di ingrandimento e pesarle su una bilancia. Altre caratteristiche importanti da valutare sono l’autenticità, la provenienza, il peso, la purezza del materiale, la rarità, la certificazione, la confezione originale e non in ultimo il mercato, che a sua volta influisce sul valore a seconda di quanto le monete sono richieste dai collezionisti.

Dove vendere le monete rare

Il valore delle monete rare varia considerevolmente a seconda di quanto risultano appetibili per i collezionisti. Ecco perché rivolgersi a una Banca per la vendita non è la soluzione migliore. Meglio puntare sui Marketplace come eBay, che include una sezione dedicata proprio alle Monete rare.

Come vendere monete rare su eBay

Vendere monete rare su eBay è molto semplice, per riuscirci basta seguire questi step:

  • Create un account inserendo i vostri dati;
  • Scattate alcune foto alle monete immortalandole da tutti i lati. Le foto dovranno essere nitide per permettere agli acquirenti di osservarle da vicino;
  • Caricate le foto sulla sezione di eBay dedicata alla vendita;
  • Aggiungete una descrizione dettagliata. Specificate se possibile lo stato di conservazione e tutte le caratteristiche potenzialmente interessanti per gli eventuali compratori;
  • Stabilite un prezzo di partenza per l’asta o un prezzo fisso se intendete avvalervi dell’opzione “compralo subito”;
  • Inserite costi e modalità di spedizione e le varie preferenze di vendita incluso il metodo di pagamento;
  • Attivate la vendita.

Come potete vedere, eBay offre uno strumento semplice e alla portata di tutti per poter mettere in vendita la vostre monete rare. Approfittatene ora e sfruttate questa opportunità di guadagno.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook