Queste abitudini apparentemente sane danneggiano la tua salute orale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sappiamo come prenderci davvero cura della nostra bocca? Queste abitudini andrebbero abolite e sostituite con altre più efficaci e sane

Ecco il carrello smart per la spesa

Sin da piccoli siamo stati abituati a lavarci i denti, e magari anche ad utilizzare il collutorio, ma siamo sicuri che questo basti a preservare la salute della nostra bocca? Il nostro cavo orale – costituito da denti, gengive, lingua e palato – è un coacervo di tessuti e organi diversi, ognuno con una specifica funzione: a ognuno vanno destinate le giuste attenzioni.

Esistono delle abitudini, apparentemente innocue e che spesso mettiamo in pratica senza neanche pensarci o che abbiamo adottato nella convinzione che il nostro sorriso possa trarne giovamento, che in realtà danneggiano la bocca e possono aumentare il rischio di carie, alitosi, gengiviti e altri problemi. Vediamo quali sono le cinque che andrebbero evitate in modo assoluto.

Usare lo stuzzicadenti

Se abbiamo qualcosa di incastrato fra i denti, spesso utilizziamo lo stuzzicadenti per liberarcene pensando di fare una cosa buona – ma non c’è nulla di più sbagliato. Utilizzare un attrezzo appuntito e rigido come lo stuzzicadenti può provocare traumi alle gengive e, a lungo andare, appiattire le papille gengivali (ovvero le parti di gengiva che riempiono lo spazio fra un dente e l’altro): tale appiattimento renderà i denti maggiormente esposti al rischio di infezioni.

Il legno di cui lo stuzzicadenti è costituito, inoltre, è un materiale molto permeabile all’acqua e, a contatto con l’ambiente molto umido della nostra bocca, finisce per ammorbidirsi e spezzarsi: in questo caso c’è il rischio che qualche scheggia di legno finisca incastrata nella gengiva senza neanche che ce ne accorgiamo – questo potrebbe portare a infezioni o lesioni.

Cosa possiamo utilizzare nel momento in cui qualcosa ci resta incastrato fra i denti? I dentisti consigliano l’uso del filo interdentale. Ma attenzione: il filo interdentale non va usato solo in casi estremi – il suo utilizzo dovrebbe essere quotidiano per scongiurare il rischio di alitosi. Passato delicatamente fra un dente ed un altro, infatti, contribuisce alla rimozione della placca batterica e a rendere la bocca più pulita e sana. Si consiglia quindi di usarlo ogni giorno, dopo aver lavato i denti la sera.

Usare lo spazzolino a setole dure

Commettiamo un grave errore se acquistiamo uno spazzolino a setole dure pensando che funzioni meglio per la nostra igiene orale. Come lo stuzzicadenti, anche le setole dure dello spazzolino infliggono uno strofinio traumatico per denti e gengive, che alla lunga può infiammare le gengive e danneggiare lo smalto dei denti. Meglio quindi utilizzare uno spazzolino con le setole medio-morbide e spazzolare con cura ma senza imprimere una eccessiva forza.

Attenzione anche al tempo che dedichiamo allo spazzolamento dei denti: dovremmo calcolare due minuti totali, circa trenta secondi per ogni semiarcata dentale. Si tratta di un tempo molto lungo al quale ci possiamo abituare lentamente: per le prime volte, possiamo avvalerci di un orologio o del cronometro del nostro smartphone.

(Leggi anche: Lo spazzolino da denti può essere un ricettacolo di germi e batteri, ma con questi trucchi lo mantieni pulito)

Non pulire la lingua

Come abbiamo detto, la bocca è costituita da diversi elementi, e ognuno di essi necessita dell’adeguata pulizia. Quindi, dopo aver lavato i denti e le gengive prestiamo attenzione anche alla nostra lingua – particolarmente esposta alla presenza di batteri per via della sua superficie ruvida e ricca di minuscole “crepe”. L’accumulo di batteri sulla lingua è responsabile della maggior parte dei fenomeni di alitosi.

Ma come pulire in modo corretto la lingua? Esistono degli appositi oggetti detti raschia-lingua, che vanno impugnati saldamente e passati più volte per tutta la lunghezza della lingua partendo dalla parte più interna fino alla punta. In alternativa, possiamo utilizzare anche lo stesso spazzolino con cui laviamo i denti – a patto che questo abbia le setole morbide, per non infiammare le papille gustative presenti sulla lingua. Bastano pochi secondi di attenzione per avere una lingua sana e pulita e, di conseguenza, un alito più fresco.

Sbiancare i denti con metodi casalinghi

Mix casalinghi a base di succo di limone, bicarbonato di sodio, sale da cucina o latte in polvere sono in realtà molto dannosi per lo smalto dei nostri denti, perché tendono a corroderlo e ad assottigliarlo in maniera irrimediabile. Se si vuole avere denti più bianchi, meglio non seguire i tutorial virali sui social network, ma rivolgersi al proprio dentista e procedere con lo sbiancamento professionale.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook