Problemi di umidità: tutto quello che c’è da sapere per eliminare le muffe

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le infiltrazioni d'acqua e la condensa sono fattori che possono aumentare all’interno degli edifici la proliferazione della muffa

Uno dei problemi più diffusi nelle abitazioni è l’umidità che si forma sui muri di casa. Le infiltrazioni d’acqua e la condensa sono fattori che possono aumentare all’interno degli edifici la proliferazione della muffa che, se non adeguatamente trattata, può diventare molto dannosa per la salute. Le ragioni possono essere molteplici come, per esempio, l’utilizzo di materiali di bassa qualità in fase di costruzione oppure la mancanza di opere di impermeabilizzazione.

Una volta determinata la causa del problema, è necessario intervenire in maniera tempestiva, in modo da contrastare il fenomeno definitivamente ed evitare che si ripresenti in futuro.

È importante, quindi, ricorrere all’impiego di apposite soluzioni, progettate e realizzate da realtà specializzate nei trattamenti contro i problemi di umidità.  Per esempio, è possibile eliminare le muffe grazie ai prodotti Murprotec, azienda leader di respiro internazionale, che mette a disposizione un’esperienza nel settore di oltre 60 anni.

Differenza tra muffa e condensa

Per poter intervenire adeguatamente è necessario distinguere la muffa dalla condensa. Quest’ultima si forma sui muri degli appartamenti quando l’umidità raggiunge il punto di saturazione e quindi l’acqua in eccesso si deposita sulle pareti.

Questo fenomeno si verifica soprattutto in inverno, perché si produce un’escursione termica maggiore, in quanto le case sono più calde rispetto alla temperatura esterna. Si può facilmente osservare sui vetri, in quanto vengono coperti da uno strato di vapore visibile in maniera più chiara, perché il vetro è impermeabile e quindi non assorbe l’acqua come invece farebbe il muro.

Esistono due tipi di condense: quella superficiale, che colpisce le parti visibili del muro e quella interstiziale che si sviluppa dentro la muratura, soprattutto se si hanno delle intercapedini. Entrambe producono dei danni sia a livello esterno, producendo macchie, muffa e condensa a pavimento, ma anche all’interno come, per esempio, odori prodotti dalla muffa nelle contropareti.

La muffa, invece, è un microrganismo che appartiene alla famiglia dei funghi e la sua presenza sulle pareti è sinonimo di scarsa ventilazione e, ovviamente, di umidità. Di solito si forma su travi o pilastri, che sono più freddi, oppure dove non c’è luce e circola ovviamente poca aria. A differenza della condensa, è più visibile perché produce macchie nere o verdi sui muri, soffitti o anche sulle finestre, rovinando i materiali sui quali si forma. Inoltre, emana delle tossine che possono determinare problematiche soprattutto al livello respiratorio.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ogni anno stila dei rapporti in cui spiega come l’esposizione alla muffa provochi problemi come l’asma. Per questo è molto importante intervenire tempestivamente e cercare di prevenire questo fenomeno.

Come intervenire in maniera definitiva contro le muffe

Per intervenire in maniera definitiva è necessario affidarsi a realtà di riferimento nei trattamenti contro l’umidità, come, appunto, Murprotec.

L’identificazione delle cause del problema passa per sopralluoghi gratuiti e accurati, condotti da tecnici altamente qualificati, così da determinare la soluzione migliore per eliminare il fenomeno.

Il primo step è quello di capire il comportamento dei residenti nelle abitazioni, in modo da correggere quelli errati, come per esempio una cattiva ventilazione degli ambienti. Dopo aver esaminato tutti gli aspetti tecnici, una soluzione proposta è l’installazione della CTA, ossia un impianto che controlla la qualità dell’aria in modo da prevenire la formazione di condense e muffa.

Questo sistema filtra l’aria igienizzandola ed eliminando l’umidità, creando un ambiente sfavorevole alla proliferazione di queste spore.

A differenza dei prodotti che sbiancano le superfici, che non fanno altro che risolvere temporaneamente il problema, questa tecnologia permette di eliminare definitivamente la causa della formazione di muffa e condensa, migliorando la qualità dell’aria e ottenendo notevoli benefici in termini di salute.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Per suggerimenti, storie o comunicati puoi contattare la redazione all'indirizzo redazione@greenme.it

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook