Spray antiparassitario naturale a costo zero: contro fumaggine, afidi e cocciniglia basta un pezzettino di questo sapone che costa meno di un euro

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il sapone Alga (all'olio di cocco) è molto utile anche per preparare un ottimo antiparassitario naturale, ma che funziona. Vi spieghiamo come fare

Che cos’è il sapone molle potassico all’olio di cocco? Il più famoso è Alga ed è molto utile anche per preparare un ottimo antiparassitario naturale, economico ed efficace. Ecco come fare.

Chi non lo conosce? Alga è un sapone molle potassico molto diffuso non solo per il bucato. Oltre a garantire un forte potere smacchiante e sbiancante, non tutti sanno che questo sapone, dal costo davvero contenuto e con un buon INCI (contiene solo acqua, olio di cocco e glicerina), può essere usato anche in agricoltura per combattere i più comuni e fastidiosi parassiti. Rispetto ad altri insetticidi e pesticidi tossici per l’essere umano e l’ambiente, questo rimedio è naturale, ecologico, biodegradabile ma anche semplice da utilizzare.

Perché il sapone molle potassico all’olio di cocco è amico delle piante

Il merito è delle sue proprietà detergenti e insetticide che permettono di contrastare la fumaggine ma anche i comuni parassiti: acari, afidi, alcuni tipi di cocciniglie e altri piccoli insetti in grado di succhiare la linfa delle piante.

Come preparare uno spray antiparassitario a base di sapone molle

Un rimedio naturale facile e veloce da preparare, a costi contenuti e con effetti benefici. Se avete già in casa il sapone molle, provate a preparare questo spray antiparassitario, che si rivelerà utile in molte occasioni.

Ingredienti:

  • 12 gr. di sapone Alga
  • 1 litro d’acqua
  • Un flacone spray

Procedimento:

Sciogliere completamente il sapone nell’acqua e versate il composto nel flacone spray.

Come usarlo

Il prodotto va applicato la mattina presto o la sera, evitando le alte temperature o le ore in cui ci sono gli animali impollinatori. Per ottenere una maggiore efficacia, è meglio spruzzare la miscela su tutte le parti delle foglie da trattare. Nel caso dopo le prime 24 ore ci fossero ancora parassiti, è possibile ripetere l’applicazione al massimo per altri 3 giorni ogni 24 ore. Meglio non andare oltre le tre applicazioni per evitare di stressare o danneggiare la pianta.

In ogni caso, prima di usare questo rimedio, è utile consultare il proprio vivaista di fiducia visto che non tutte le piante tollerano il sapone molle potassico, tra queste le gardenie, le azalee, il ciliegio, il prugno e i cetrioli.

Inoltre, per capire se possiamo usarlo, è bene fare anche una piccola prova su una sola foglia. Se dopo un paio di giorno la foglia o la parte trattata non presenta macchie oppure i bordi delle foglie non si arricciano, significa che la nostra pianta ha alte probabilità di essere adeguata alla cura con il sapone molle potassico.

Sapone molle potassico

©greenMe

Altri consigli

Anche se si tratta di un prodotto atossico per gli esseri umani, questo rimedio può risultare pericoloso per le api o per altri insetti impollinatori. Per questo, vi consigliamo fortemente di evitarne l’uso durante il periodo di fioritura.

Leggi qui i nostri articoli sul sapone Alga

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Ti potrebbe interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook