Marimo: come prendersi cura dell’alga palla giapponese che dura per sempre

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tutti pazzi per l'alga palla! Ma cos'è e quali accortezze bisogna avere per curarla? Perché è chiamata l'alga degli innamorati?

Stanno spopolando in Italia e in tutto il mondo: i Marimo moss ball sono il must have del momento e durano per sempre! Ecco perché sono un ottimo regalo green per San Valentino.

Il Marimo è un’alga tipica del Giappone che ha una caratteristica forma rotonda. Dentro ha una consistenza spugnosa, mentre fuori è ricoperta di muschio soffice e vellutato. Dal colore verde brillante e dalle dimensioni medie di 6 centimentri, è un elemento di arredamento che sta spopolando, poiché è decorativo, rilassante, ha minime necessità di mantenimento e può vivere fine a 200 anni. Insomma un Marimo è per sempre!

Che cos’è il Marimo?

La parola Marimo, coniata dal botanico giapponese Takuya Kawakami nel 1897,  significa alga palla. Il Marimo cresce nelle profondità dei laghi e si trova in natura anche in Svezia, Islanda, Scozia, Irlanda e in Estonia. Il nome scientifico è “Aegagropila linnaei”. Il Marimo del lago Akan è stato designato Monumento naturale del Giappone nel 1921 e tale lago ne contiene fino a 600  milioni di esemplari, che possono misurare fino a 30 cm.

La sua forma rotonda è data dal modellamento continuo delle correnti dei laghi. I Marimo in commercio hanno circa 5-6 anni e misurano 3-4 centimetri. Crescono molto lentamente, circa 5 millimetri ogni anno, per cui non occupano grandi spazi.

Perché regalare un Marimo

Il Marimo è un ottimo oggetto di decorazione se immerso in un bel vaso o in un barattolo trasparente, magari decorato da pietre, rametti e conchiglie marine. Può vivere anche in un acquario, assicurandosi che non ci siano specie di pesci che adorano mangiarlo.

La sua presenza, oltre che esteticamente armoniosa, dati il colore e la rotondità, è molto rilassante. Infatti di giorno, quando si produce la fotosintesi clorofilliana, il Marimo sale in superficie ondeggiando placidamente, ricoperto da minuscole bollicine di ossigeno. Un antistress zen per chi ama circondarsi di buone vibrazioni!

In Giappone si regala tradizionalmente ai figli o in generale ai membri della famiglia come portafortuna e come simbolo di vincolo familiare. La pallina si tramanda infatti di generazione in generazione, vista la sua lunga vita. Per questo può essere un ottimo regalo per San Valentino, come simbolo di unione da coltivare che dura per sempre!

L’alga palla è anche un ottimo regalo per i bambini che possono prendersi così cura del vegetale come fosse un animale domestico, ma con il minimo sforzo.

Come prendersi cura di un Marimo: acqua e contenitore

La manutenzione del Marimo è molto semplice. Queste alghe vivono in acqua dolce, o leggermente salmastra. Va benissimo anche quella del rubinetto. Per quanto riguarda l’acqua corrente, prima di immergervelo, è meglio lasciarla in un recipiente aperto per circa 24 ore, per fare evaporare il cloro. Perfetta invece l’acqua filtrata o ricavata dal processo di osmosi. Se si nota che sull’alga palla si tendono a formare delle macchie marrone, è forse necessario aggiungere un po’ di sale oceanico.

L’acqua si deve cambiare ogni due settimane per il 50%, se vive da solo. Mentre, se si trova in un acquario, bisogna seguire regole differenti.

La temperatura ottimale dell’acqua è abbastanza fredda e non dovrebbe superare il 24ºC.

Non hanno bisogno dell’aria per vivere, per cui il contenitore può essere anche chiuso.

Illuminazione

Essendo il suo habitat naturale il fondo del lago, ha bisogno di poca luce. La luce diretta, del sole o elettrica, è la sua peggiore nemica. Per cui qualsiasi angolo della casa anche buio o non troppo soleggiato può andare bene. Qualsiasi fonte di luce, purché non troppo intensa e diretta permette la fotosintesi.

Se il Marimo galleggia sempre, può essere necessario strizzarlo leggermente tenendolo sott’acqua per liberarlo da bolle d’aria intrappolate al suo interno.

Se invece è fermo per lunghi periodi tempo, potrebbe essere necessario girarlo per mettere a tutte le sue parti di ricevere la luce.

Come pulire il Marimo

Se il Marimo vive in un acquario insieme ad altri pesci che si occupano della sua pulizia forse non sarà necessario pulirlo. Se invece vive da solo potrebbe autoprodurre delle sporcizie. In quel caso bisogna toglierlo dall’acqua e sciacquarlo sotto acqua corrente, schiacciando leggermente la pallina.

Altri accorgimenti

In natura, la forma rotonda del Marimo è assicurata dal movimento dell’acqua. Potrebbe succedere che in mancanza di tale agente esterno la forma dell’alga palla tenda a deformarsi o ad appiattirsi. Allora, periodicamente, si può modellare con le mani e tornerà ad assumere la sua caratteristica forma di palla.

Inoltre, se la pallina che acquistiamo ci sembra troppo grande o è cresciuta troppo negli anni, se ne può tagliare una parte che diventerà un Marimo nano.

Dove acquistare il Marimo

L’alga palla si può acquistare nei negozi specializzati, nei vivai o in alcune catene di negozi multimarca di bricolage. Ovviamente si può comprare anche online. Spesso si trovano già confezionati in un bel barattolo o in vaso trasparente. Il prezzo varia dagli 8 ai 30 euro, a seconda delle dimensioni e della confezione del contenitore.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Ti potrebbe interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook