Macerato di pomodoro: contro afidi e cavolaia, 3 semplici modi per realizzare un insetticida naturale a costo zero

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Come ottenere uno spray pesticida naturale contro afidi e cavolaia dalle foglie della pianta di pomodoro messe a macerare

Se hai una pianta di pomodoro nell’orto o sul balcone puoi realizzare un insetticida naturale in pochi e semplici passaggi. Le piante di pomodoro, infatti, contengono un alcaloide naturale (glicoalcaloide} chiamato tomatina  che possiede proprietà antimicrobiche, fungicide e insetticide. Anche altri alcaloidi delle Solanacee presenti nella pianta di pomodoro hanno proprietà simili . Quando le foglie delle piante di pomodoro vengono ferite o rotte, rilasciano questi alcaloidi che respingono o uccidono molti insetti e parassiti dannosi.

Questi alcaloidi sono solubili in acqua e possono essere facilmente miscelati e diluiti per creare un potente spray tossico per afidi, mosche bianche e altri parassiti, ma completamente innocuo per altre piante, animali domestici e persone (a meno che tu non abbia un’allergia alle piante della famiglia della belladonna).

Non a caso il macerato di pomodoro è un rimedio naturale suggerito anche dall’agricoltura biologica e biodinamica, per contrastare la presenza di afidi e di parassiti nell’orto, che potrebbero rovinare il raccolto.

Il macerato di pomodoro è particolarmente efficacecontro gli afidi e la cavolaia, ma anche contro l’altica (o pulce di terra) che colpisce ortaggi come la rucola, la tignola del porro, le larve di lepidottero e la tipula.

L’impiego del macerato è vantaggioso e innocuo soprattutto perché non danneggia gli insetti utili e il loro habitat, con particolare riferimento alle coccinelle e alle api.

Per la preparazione del macerato di pomodoro si utilizzano solitamente le foglie e altre parti delle piante che non hanno ancora fruttificato, compresi gli steli e le femminelle, cioè i germogli laterali che solitamente vengono potati al fine di rendere la pianta più produttiva e di ottenere pomodori più grandi e in maggiore quantità.

Macerato di femminelle di pomodoro

  • 150 grammi di femminelle di pomodoro
  • 10 litri d’acqua

Se avete l’opportunità di utilizzare le femminelle di pomodoro per la preparazione del vostro macerato, utilizzate le quantità indicate per quanto riguarda le parti della pianta e l’acqua. Servitevi di contenitori da mantenere aperti, ad esempio dei secchi capienti, in cui versare le femminelle e l’acqua. Lasciate macerare il tutto all’aria aperta, senza utilizzare coperchi, per 3 giorni.

Macerato di foglie di pomodoro

  • 2,5 kg di foglie di pomodoro
  • 1 litro d’acqua per la macerazione
  • 10 litri d’acqua per diluire il preparato

Una seconda ricetta per la preparazione del macerato di pomodoro prevede l’impiego delle sole foglie della pianta. Iniziate la preparazione mettendo a macerare in 1 litro d’acqua 2,5 chilogrammi di foglie di pomodoro e lasciate riposare per 2 o 3 giorni in un contenitore aperto. Filtrate il macerato e diluitelo con 10 litri d’acqua. Il preparato agisce contro i parassiti per contatto diretto. Può essere utilizzato, ad esempio, quando gli afidi sono già presenti sulle piante.

Macerato dagli scarti di potatura e frutti verdi caduti

Una terza ricetta per la preparazione del macerato di pomodoro prevede l’impiego sia delle foglie, che degli scarti di potatura, comprese le femminelle, che eventualmente della pianta intera, priva dei frutti e delle radici. Le foglie e le piante devono essere lasciate riposare in un secchio per 2 o 3 giorni, immerse in 10 litri d’acqua. Il macerato così preparato può essere filtrato e utilizzato direttamente senza diluire

Suggerimenti

Nella preparazione dei macerati regolatevi a seconda delle quantità di prodotto che vorreste avere a disposizione. Una volta pronti, i macerati devono essere filtrati in modo da eliminare le parti delle piante per ottenere soltanto il liquido che impiegherete nel vostro orto e per la cura delle piante.

Può essere utile conservare una parte dei macerati nei nebulizzatori che utilizzerete per applicarli sulle piante. Trattate le vostre piante con il macerato di pomodoro nelle ore serali. Il macerato di pomodoro è adatto sia per prevenire che per affrontare direttamente le avversità. Applicatelo sulle piante ogni 3 o 4 giorni, scegliendo sempre le ore meno calde della giornata.

Durante la macerazione, mescolate il preparato di tanto in tanto in modo da permettere l’ossigenazione. Conservate il macerato di pomodoro all’ombra in bottiglie di vetro scuro. Si consiglia di impiegare i macerati entro la fine della stagione, dunque la loro conservazione può essere di un paio di mesi. Per la stagione successiva o per l’anno seguente preparerete dei nuovi macerati.

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook