I segni più evidenti che la tua pianta ha bisogno d’aiuto e come tornare a farla vivere

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I segni più evidenti che la tua pianta ha bisogno d'aiuto e i consigli su come tornare a farla vivere rigogliosa.

A volte anche chi ha il pollice verde commette errori. E capita che alle piante spuntino foglioline gialle o cadenti che mettono in allarme. In realtà non è il caso di disperarsi a meno che il problema non persista nel tempo e non si presentino altri segnali d’allarme. Perché in tal caso potrebbe significare che la pianta sta morendo. E che ha bisogno di urgente aiuto.

Scopriamo quali sono gli indizi da non sottovalutare secondo l’esperta Joyce Mast e come tornare a far vivere la piantina bisognosa di soccorso.

Foglie ingiallite

foglie-ingiallite

@Chodimeafotime/Shutterstock

Accade spesso che le foglie ingialliscano ed è del tutto normale se si trovano nella parte inferiore della pianta. Sono foglie vecchie che lasciano il posto ad altre nuove. Ma se molte foglie ingialliscono contemporaneamente, allora è il caso di preoccuparsi. La causa? Probabilmente ricevono troppa acqua. E in tal caso è meglio rinvasare la pianta utilizzando nuovo terriccio, e posizionandola accanto a una finestra soleggiata. In circa una settimana dovrebbe riprendersi. Ma le foglie gialle andranno rimosse.

Foglie marroni

foglia-marrone

@ShostakMa/Shutterstock

Bordi delle foglie marroni indicano spesso una mancanza di umidità o scarsa qualità dell’acqua. Per rimediare potete annaffiarle con un nebulizzatore più regolarmente, almeno ogni giorno, in modo da aumentare l’umidità. Oppure, se è colpa dell’acqua di rubinetto, versatela in una brocca e lasciatela scoperta durante la notte per far evaporare i minerali in essa contenuti. Altrimenti usate acqua piovana.

Ma se a diventare di questo colore è il centro delle foglie, allora potrebbe trattarsi di acqua in eccesso. E in tal caso urge un rinvaso. In ogni caso le foglie marroni torneranno del loro colore originario ma dovrebbe diminuire la loro formazione.

Foglie “croccanti”

pianta-secca

@682A IA/Shutterstock

Se la pianta sta appassendo e i bordi di alcune foglie sono marroni e “croccanti”, probabilmente basterà annaffiarla di più per risolvere il problema. Soprattutto se il terriccio è molto secco. Per aiutare la pianta, l’ideale è mettere il vaso in un lavandino con acqua tiepida, lasciando che assorba l’acqua dalle radici per circa 30-60 minuti. Nebulizzare dell’acqua sulle foglie è ulteriormente d’aiuto.

Foglie opache e sbiadite

foglie-sbiadite

@Olya Maximenko/Shutterstock

Una pianta che riceve troppa luce potrebbe iniziare a sbiadire o perlomeno risultare meno brillante. L’ideale in tal caso è spostare la pianta lontano dalla finestra per ridurre il tempo di esposizione alla luce solare diretta.

Foglie lunghe e sottili

Se un’esposizione eccessiva rende opache e sbiadite le foglie, un’esposizione insufficiente rende le foglie lunghe e sottili. E in tal caso bisogna assolutamente esporre la pianta alla luce, posizionandola per esempio davanti a una finestra.

Foglie con macchie

foglie-macchiate

@Greenseas/Shutterstock

Attenzione alle infezioni provocate da funghi e batteri, le foglie con piccole macchie marroni e bordi giallastri potrebbero dipendere proprio da loro. In questo caso bisogna rimuovere alcune delle foglie colpite dall’infezione, isolare la pianta dalle altre e spruzzarla con un rimedio naturale a base di 1 cucchiaio di bicarbonato e 1 cucchiaio di olio di Neem.

Foglie con forellini

foglie-bucate

@S. Siriwachiranusakul/Shutterstock

I forellini potrebbero dipendere da infestazioni di parassiti e anche in questo caso l’ideale è allontanare la pianta dalle altre in modo da evitare contagi, quindi spruzzare sulle foglie uno spray a base di olio di Neem. Ripetete l’operazione almeno due volte.

Nessuna crescita

Nei mesi più freddi capita che le piante crescano poco e ciò può dipendere da due fattori principali: stanno morendo o sono dormienti. Se spezzando un rametto in due dovesse bastare poca pressione e il ramo dovesse apparire asciutto internamente, la pianta molto probabilmente sta morendo. Se invece il rametto dovesse risultare umido all’interno, probabilmente è solo dormiente.

La morte potrebbe dipendere dal marciume radicale, caratterizzato da radici marce, nere o marroni, molli e avvizzite, dal cattivo odore. In tal caso non c’è più nulla da fare.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook