I ciclamini sono sfioriti, cosa fare e come trattare la pianta e il bulbo dopo la fioritura

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cosa fare se il tuo ciclamino è sfiorito e sembra morto? Ha solo finito il suo ciclo, scopri come conservare il bulbo per il prossimo anno

I ciclamini in vaso sono un tipico regalo del periodo invernale, perché è in inverno che danno il meglio di sé. Con la bella stagione alle porte, invece, questa pianta sembra condannata a morte. Ecco come fare per salvarla ed assicurarsi una nuova fioritura con il prossimo freddo.

I ciclamini sono piante dai fiori vivaci e colorati che però dopo la fase della fioritura soffrono fino a morire. Cosa si può fare per permettere alla pianta di conservarsi e rinascere? Luce e clima adatti sono la chiave per prendersi cura del ciclamino dopo il periodo di fioritura. Probabilmente troppa acqua e troppo caldo hanno danneggiato la pianta, facendo seccare i fiori e ingiallendone le foglie, ma non disperarsi. Anche se la pianta sembra morta, in realtà si trova in uno stato ‘dormiente’ durante l’estate – che permette alle radici di rinvigorirsi e prepararsi alla nuova stagione della fioritura.

(Leggi: Ciclamino: come coltivarlo in vaso o in giardino)

Come curare la pianta e il bulbo di ciclamino nei mesi caldi

ciclamino_sfiorito

@Anna Hirna/123rf.com

  • Togliere la piantina dal sole: il ciclamino è una pianta da sottobosco, che ama l’umidità e l’ombra. Meglio spostare il vaso in una stanza fresca e lontano dalla luce diretta.
  • Tagliare via le foglie più rovinate e i fiori ormai secchi.
  • Non desistere: anche se la pianta sembra rovinata e secca, destinata a morire, con temperature più fresche le foglie rinasceranno e il ciclamino tornerà a nuova vita. Questo perché il bulbo della piante (o tubero) rimane nel terreno e sopravvive anche alla morte delle foglie e dei fiori – sarà questo il segreto della nuova fioritura.
  • Nei mesi di quiescenza (quelli estivi) innaffiare il terreno molto raramente.

Solo in autunno (a partire da settembre) si vedranno i frutti delle cure estive, con la ricomparsa dei germogli nel vasetto: è questo il momento di riportare la pianta alla luce del sole e di tornare a innaffiarla con costanza – magari nutrendola ulteriormente con l’ausilio di un fertilizzante.

Il ciclamino dovrebbe rifiorire a metà inverno, tornando al suo splendore.

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook