Quanto consuma davvero la tua lavastoviglie? I trucchi per abbassare la bolletta (e quanto)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Rinununciare la lavastoviglie è ormai impensabile per gran parte delle famiglie, ma il suo utilizzo incide parecchio sulle bollette (specialmente di questi tempi!). Vediamo quanto nel dettaglio e le regole d'oro per risparmiare un bel po'

Libera Terra

Al pari della lavatrice, la lavastoviglie è diventato un elettrodomestico irrinunciabile per tanti, in particolare per le famiglie più numerose. Ci aiuta a risparmiare tempo prezioso e fatica, ma – ahinoi – non il denaro, visto che il suo utilizzo giornaliero contribuisce a far schizzare i costi della bolletta della luce.

Nel bel mezzo della crisi energetica, aggravata dalla guerra in Ucraina, è fondamentale domandarsi quanto consuma la nostra lavastoviglie e, soprattutto, seguire dei consigli per usarla al meglio risparmiando un po’.

Quanto consuma la lavastoviglie?

Il consumo energetico medio di una lavastoviglie si aggira intorno a 2,5 kW/h (senza considerare lo spreco di acqua) per un ciclo di lavaggio completo; nel caso dei modelli più nuovi i consumi possono ridursi un bel po’, arrivando anche a 1,2 kW/h. Invece, ciclo di lavaggio breve (massimo 45 minuti) a freddo che non prevede la fase di asciugatura delle stoviglie comporta un consumo medio di 0,7 kW/h.

Tutto dipende da una serie di importanti fattori: classe energetica dell’elettrodomestico (chi ne ha uno di classe A avrà i costi quasi dimezzati rispetto a una lavastoviglie di classe G), la frequenza di utilizzo e il tipo di lavaggio che si sceglie.

Come usare la lavastoviglie abbattendo i costi in bolletta

Se si vuole risparmiare energia e quindi denaro è fondamentale seguire alcune semplici regole d’oro. Ecco quali:

  • Usare la lavastoviglie solo a pieno carico
  • Optare per la modalità di lavaggio eco (se le stoviglie non sono eccessivamente sporche): in questo modo piatti, pentole e posate vengono lavati a una temperatura inferiore (che si aggira intorno ai 50° C) e sono necessari circa tre litri d’acqua in meno rispetto al ciclo standard (questa modalità ci permette di risparmiare fino a circa 520 kWh in un anno)
  • Evitare il prelavaggio e i cicli lunghi
  • Non usare l’asciugatura con aria calda per ridurre di un quarto d’ora i tempi del lavaggio e risparmiare un bel po’ d’energia (fino al 45%)
  • Pulire regolarmente (ogni 10 giorni circa) il filtro della lavastoviglie

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook