Morta la tartaruga salvata dal piccolo Gabriele: aveva ingoiato troppa plastica e lenze

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Purtroppo non ce l'ha fatta l'esemplare salvato dal piccolo Gabriele. L'animale aveva superato l'intervento chirurgico per l'estrazione dell'amo che aveva ingoiato, ma non ha superato una crisi dovuta a un groviglio di lenza e plastica che aveva ingerito.

Quanta frutta e verdura dobbiamo mangiare ogni giorno?

AGGIORNAMENTO 25/07/2019 Purtroppo non ce l’ha fatta l’esemplare salvato dal piccolo Gabriele. L’animale aveva superato l’intervento chirurgico per l’estrazione dell’amo che aveva ingoiato, ma non ha superato una crisi dovuta a un groviglio di lenza e plastica che aveva ingerito.

“Ne ha determinato l’occlusione intestinale, provocando un’infezione che ne ha poi determinato la morte prima che potesse intervenire con altro intervento chirurgico”, spiegano  i veterinari del CReS di Oristano dove era ricoverato.

Vi avevamo raccontato la sua storia

Una tartaruga Caretta caretta è stata salvata dalle conseguenze dell’inquinamento marino da un bambino.

È accaduto sulla spiaggia di Villaputzu, in Sardegna. Il piccolo Gabriele ha notato l’esemplare di tartaruga nei pressi della riva, intrappolata in un rifiuto di plastica.

Il bambino ha avvisato immediatamente i genitori, che hanno poi provveduto a contattare il Corpo Forestale di Muravera.

L’intervento tempestivo di Gabriele è stato decisivo: la tartaruga è stata infatti trasferita in una struttura specializzata di Oristano, dove i veterinari hanno provedduto a soccorrere e salvare la vita dell’animale.

Oltre alla plastica avvolta attorno al corpo della tartaruga, i medici hanno rilevato anche la presenza di un amo conficcato nella bocca dell’animale. L’amo è stato rimosso attraverso un’operazione chirurgica e per i prossimi giorni l’esemplare sarà tenuto sotto osservazione, prima di essere rimesso in libertà.

La tartaruga salvata dal piccolo Gabriele è solo l’ultimo degli animali rimasti vittima dell’inquinamento dei nostri mari, ormai invasi da resti di plastica.

Grazie alla prontezza e alla sensibilità del bambino, questa volta è stato possibile salvare la vita all’esemplare, ma sono tantissimi gli animali che purtroppo muoiono dopo aver ingerito o essere rimasti impigliati nei rifiuti di plastica che raggiungono l’ambiente marino.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Photo credit Corpo Forestale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook