Sub multato per aver liberato il cucciolo di una balena impigliato nelle reti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un sub australiano è stato multato per aver salvato un cucciolo di balena rimasto incastrato in delle reti, ma per lui è partita la gara di solidarietà

Ecco il carrello smart per la spesa

Il cucciolo di balena si dimenava per liberarsi da una rete, così un sub australiano che ha assistito a quella che poteva trasformarsi in una tragedia, non c’ha pensato due volte e lo ha liberato. Però il gesto gli è costato una multa molto salata: secondo la legge non doveva prendere iniziative.

Il cucciolo era intrappolato al largo della Gold Coast, i soccorsi erano già stati allertati, ma il sub che si fa chiamare Django, non volendo rivelare la sua vera identità, vedendo che nessuno interveniva aspettando appunto il via ufficiale, ha preso la sua barca ed è arrivato fino a quella maledetta rete.

Piano piano con un coltellino l’ha tagliata permettendo così all’animale di fuggire via libero e di evitare una tragedia. Dimenandosi il piccolo si sarebbe potuto ferire a morte, oltre che rimanendo per troppo tempo impigliato avrebbe potuto perdere l’orientamento e rimanere lontano dalla madre.

“Quando ho visto la balena in sofferenza, mi è salita l’adrenalina, dovevo fare qualcosa. Fondamentalmente ho liberato le sue pinne”, ha detto l’uomo alla ABC.

Ma questa mossa gli è costata veramente cara perché nel Queensland è prevista una multa massima fino a 27 mila dollari per chiunque intervenga di sua iniziativa nell’ambiente marino. Secondo la legge, il sub doveva aspettare che il cucciolo venisse liberato dagli organi preposti. Ma in un mondo in cui, siamo abituati a vedere, gente che toglie dall’acqua piccoli delfini e perfino cuccioli di squalo, per avere qualche like sui social e attimi di gloria, Django resta un eroe.

Il suo tempestivo intervento ha di fatto salvato repentinamente la vita a quel cucciolo.

Per questo, è nata una pagina per raccogliere fondi per pagare la multa al sub e la somma è già stata raccolta: le donazioni sono chiuse e il denaro extra sarà destinato a chi si occupa della salvaguardia dell’ambiente marino e dei suoi abitanti.

Fonti: BBC/ABC News/ Go Found me/7 News

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook