Cucciolo di gatto selvatico di appena un mese salvato e riportato dalla mamma con un semplice “trucco”

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In India con un semplice trucco dei volontari hanno fatto ricongiungere un cucciolo di gatto selvatico con la sua mamma

Integratori 100% naturali

È stato un salvataggio commovente quello condotto dall’ONG RESQ Wildlife Team a Pune in India. I volontari sono infatti riusciti a salvare da morte certa un cucciolo di gatto rugginoso, una specie di gatto selvatico tra le più piccole al mondo. Grazie al loro intervento il gattino si è ricongiunto con la mamma.

L’ONG RESQ Wildlife Team, insieme al dipartimento forestale del Maharashtra, è immediatamente intervenuta quando alcune persone hanno segnalato un gatto selvatico di appena un mese, solo in un campo nei pressi di Alandi, cittadina nel distretto di Pune in India. 

Si trattava di un cucciolo di gatto rugginoso, una specie di gatto selvatico davvero piccola, pensate che un adulto pesa poco più di un chilo. 

L’obiettivo dei volontari, fortunatamente raggiunto, era quello di farlo ritrovare da sua mamma che sicuramente si trovava ancora nei paraggi, magari spaventata dalla presenza degli uomini.

Il team di volontari, dopo aver visitato il gattino per assicurarsi che stesse bene, l’ha posizionato al sicuro in un recinto ribaltabile e ha installato una telecamera proprio di fronte a lui, così da monitorare la situazione e intervenire nel caso il gatto non fosse stato ritrovato prontamente dalla mamma.

Le prime 24 massimo 48 ore sono decisive in questo senso, superato questo tempo, infatti, la speranza del ricongiungimento tra mamma e figlio diventa decisamente più difficile.

Il dottor Shardul Salvi, veterinario di RESQ, ha dichiarato:

Il gattino era in forma e attivo e speravamo che facesse abbastanza rumore da essere localizzato da sua madre.

Circa cinque ore dopo, il team ha osservato la mamma che veniva a cercare il suo gattino, l’afferrava e scompariva nel bosco.

Una storia a lieto fine, dunque, grazie all’impegno dei volontari e alla collaborazione della gente del posto, inizialmente spaventata perché pensava si trattasse di un cucciolo di leopardo. 

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: India Times

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook