Riccio africano: tutto quello che devi saperne e perché non adottarlo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Impazza la moda del riccio africano come animale domestico, ma tenerlo in casa non è affatto una buona idea. Vi spieghiamo perché

Impazza la moda del riccio africano come animale domestico, ma tenerlo in casa non è affatto una buona idea. Vi spieghiamo perché

Negli ultimi tempi sta dilagando una moda apparentemente innocua, eppure potenzialmente pericolosa: quella di tenere in casa i ricci come si fa con i cani e con i gatti. Le home di Instagram e TikTok sono piene di adorabili ricci che vengono accarezzati e messi in bella mostra sul divano o sul letto, senza che vengano prese in considerazione le sue esigenze naturali.

È bene chiarire fin da subito maggior parte di quelli che compaiono sui social sono esemplari di Atelerix albiventris, ovvero di riccio africano, il cui habitat d’origine è costituito dalle savane e dalle zone aride dell’Africa centrale. Questo animale esotico, noto anche come riccio pigmeo, è considerato un animale domestico e non è soggetto alla normativa C.I.T.E.S. (la Convenzione di Washington sul commercio internazionale delle specie di fauna e flora minacciate di estinzione).

Questa specie non va confusa con il riccio comune (Erinaceus europaeus), noto anche come riccio europeo. Quest’ultima è una specie tutelata per legge nel nostro Paese e tenerlo in casa è reato. 

Leggi anche: Ricci: sono in via di estinzione. Quando ne troviamo uno ferito, salviamolo!

5 cose da sapere sul riccio africano prima di (non) adottarne uno 

Come anticipato, il riccio africano è ritenuto un animale domestico. Ma troppo spesso chi decide di tenerlo in casa non presta attenzione alle sue esigenze. Per evitare che soffra è bene conoscere le sue abitudini e le sue caratteristiche. Ecco 5 cose da sapere su questo tenerissimo animale, il cui peso va da 250 a 600 grammi e che in cattività può vivere fino a 10 anni: 

Dorme di giorno e vive di notte

L’Atelerix albiventris è un animale notturno. In poche parole dorme di giorno ed è attivo durante la notte. Preferisce trascorrere le giornate nei tronchi degli alberi o dentro i crepacci del terreno, mentre di notte esce per cacciare vermi, lumache e insetti che riesce ad individuare grazie a un olfatto molto sviluppato. In cattività questi animali vengono tenuti in gabbie metalliche, spesso prive di ripari in cui riposarsi e il loro naturale ritmo di attività notturna è alterato dagli orari umani. Inoltre, i movimenti sono molto limitati in gabbia. Un’altra cosa importante da sapere su questa specie è che non va in letargo, al contrario del riccio europeo.

È onnivoro e in cattività tende all’obesità e a sviluppare malattie

I ricci africani sono onnivori. Si nutrono prevalentemente di invertebrati (tra cui coleotteri, lombrichi, bruchi, millepiedi, termiti, formiche, lumache e ragni), piccoli vertebrati (serpenti, lucertole, topi e rane), ma anche foglie, radici e frutti. Quando vengono tenuti in cattività, però, troppo spesso non vengono nutriti in maniera adeguate loro esigenze nutrizionali. Spesso vengono alimentati con cibo commerciale, usato per cani e gatti e ad alto contenuto calorico e proteico. Questa situazione porta a casi di obesità, malattie del cavo orale e gastrointestinale e persino a tumori.

È un animale solitario 

Il riccio africano è per natura un animale molto solitario, tranne nel periodo del corteggiamento del corteggiamento e della riproduzione.

Gli individui tendono ad evitarsi per prevenire la competizione – spiega la LAV (Lega Anti Vivisezione) – L’incontro con conspecifici spesso determina comportamenti agonistici e difensivi quali erezione delle spine, vocalizzazioni e attacchi.

In cattività, però, spesso vengono ammassati (specialmente negli allevamenti) e non è raro che si verificano aggressioni, soprattutto tra esemplari maschi, casi di infanticidio e persino di cannibalismo. 

Si difende producendo una schiuma

Non tutti sanno che i ricci africani, oltre ad appallottolarsi mostrano le spine, adottano un comportamento particolare (noto come anting) quando si trovano in presenza di sostanze a lui sconosciute. In tal caso questo piccolo mammifero riccio inizia a salivare e cospargere il corpo con la schiuma prodotta. 

Può trasmettere diverse malattie zoonotiche 

Infine, i ricci africani rappresentano un rischio da non sottovalutare per la trasmissione di numerose malattie zoonotiche. Le principali infezioni associate a questi piccoli mammiferi sono la Salmonella e il batterio Mycobacterium marinum, ma anche funghi, il virus della rabbia e gli Herpesvirus.

Alla luce di tutti questi elementi, non sarebbe meglio lasciare in pace i ricci africani nel loro habitat naturale? 

Fonti: avanzimorivet.it/LAV

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook