Questa tartaruga di 230 chili a rischio estinzione è morta a causa di gravi ferite causate da lenze da pesca

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nessun lieto fine per la tartaruga gigante, di circa un metro e mezzo, recuperata dalle acque in Spagna: a nulla sono valsi i tentativi di curare le sue ferite causate dalle lenze da pesca, l'esemplare di Dermochelys coriacea è morto dopo essere stato rilasciato in mare

Nonostante lo sforzo titanico dimostrato da istituzioni, volontari e veterinari, alla fine la tartaruga liuto (Dermochelys coriacea) di 230 chili, che era stata recuperata nei pressi del porto spagnolo di Mazarrón, non ce l’ha fatta. Dopo essere stata rilasciata nuovamente in mare, l’animale è deceduto e dietro la sua morte potrebbe esserci lo zampino dell’uomo (come ormai accade sempre più spesso).

Il grosso esemplare, agonizzante per via di alcune ferite provocate dalle lenze da pesca, era stato notato lo scorso fine settimana nelle acque del porto di Mazarrón, situato nella comunità autonoma spagnola di Murcia. Così la tartaruga, lunga quasi un metro e mezzo, era stata trasferita d’urgenza al centro di recupero per animali marini del parco Oceanogràfic València, dove è stata sottoposta ad una serie di visite. I veterinari e i biologi del centro hanno fatto di tutto per curare le gravi ferite alle pinne e al guscio, che provocavano all’animale una grande sofferenza.

E poco dopo la tartaruga, arrivata in condizioni disperate, aveva mostrato segni di ripresa, facendo ben sperare gli esperti.

Quando, però, dopo circa 48 ore è stata riportata in mare a Cartagena, la tartaruga è morta improvvisamente. Per accertare le cause della morte verrà sottoposta ad autopsia, ma non ci vuole molto a capire che si tratta dell’ennesima vittima delle attività umane.

Le tartarughe più grandi del Pianeta rischiano di sparire a causa dell’uomo

La Dermochelys coriacea è conosciuta per essere la più grande specie di tartaruga esistente sul nostro Pianeta e ogni esemplare può arrivare a pesare anche 700 chili. Purtroppo, queste affascinanti e mastodontiche tartarughe sono a rischio estinzione. L’IUCN, infatti, classifica la tartaruga liuto come “vulnerabile”, mentre in Spagna è considerata una specie selvatica protetta. Tra le principali minacce che mettono a rischio la sopravvivenza di queste creature marine rientrano il bracconaggio, la morte accidentale a causa della pesca e la distruzione delle loro uova sulle coste.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Oceanogràfic València

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook