La carne delle “super mucche” geneticamente modificate ora può essere venduta negli Stati Uniti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Udite udite: presto potreste mangiare carne di manzo geneticamente modificata grazie a una decisione della Food and Drug Administration statunitense. No, non è la fabbrica degli orrori. O forse sì

Due razze di bovini da carne geneticamente modificate prodotte da un importante allevatore sono sicure per il consumo umano. Lo afferma la FDA americana, riferendosi a due razze di mucche che sono state modificate in modo da far crescere il pelo corto e liscio.

Gli esperti suggeriscono che questa modificazione genetica è “a basso rischio” e ciò significa che Acceligen, l’azienda che produce quella razza, non avrebbe nemmeno bisogno di chiedere l’approvazione per venderla.

L’agenzia federale non aveva mai concesso un’approvazione pre-commercializzazione “a basso rischio” prima d’ora a un prodotto alimentare da animali geneticamente modificati.

La decisione mostra l’impegno a utilizzare un processo basato sul rischio e sulla scienza, basato sui dati, che si concentra sulla sicurezza per gli animali contenenti alterazioni genomiche intenzionali e sulla sicurezza per le persone che mangiano il cibo prodotto da questi animali, spara Steven Solomon, direttore del Center for Veterinary Medicine della FDA.

Non è chiaro quando questo tipo di carne sarà reso disponibile negli Stati Uniti e nemmeno come verrebbe etichettata.

Ma noi nemmeno vorremmo saperlo. E voi?

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: FDA

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook