Lasagna, la gatta obesa abbandonata a causa dei chili presi durante la quarantena

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La storia di Lasagna, gatta abbandonata perché obesa, ha commosso tanti utenti sul web. Fortunatamente ha trovato subito una nuova famiglia

Lasagna è una gatta speciale che, durante la quarantena, è ingrassata un po’ troppo e per questo ha riscontrato una serie di problemi di salute. I proprietari invece di aiutarla hanno deciso di abbandonarla davanti ad un rifugio per animali. La sua storia, condivisa su Twitter, si è fatta notare da tante persone e ora il gatto ha già trovato una nuova famiglia pronta ad aiutarlo.

Lasagna, così soprannominata in onore di Garfield il famoso gatto dei fumetti che adorava questo piatto tipico del nostro paese, è una gatta che ha conquistato l’affetto di migliaia di persone.

La sua storia è stata twittata da ACCT Philly, rifugio per animali di Philadelphia che si è subito attivato per cercare una nuova famiglia al gatto.

Lasagna è stata abbandonata dai suoi ex proprietari a causa del peso che aveva messo su durante la quarantena, quasi 10 chili in più (arrivando ad oltre 13 kg).  La foto che ha accompagnato la pubblicazione dell’appello che la riguardava non ha lasciato molte persone indifferenti, considerando che un gatto di tali dimensioni si vede raramente.

@ACCTPhilly/Twitter

@ACCTPhilly/Twitter

@ACCTPhilly/Twitter

Lasagna è stata abbandonata nel rifugio a causa del suo peso e delle difficoltà che quei chili in più le hanno causato. Il gatto, infatti, non era più in grado di pulirsi da solo e aveva problemi a camminare. C’era più che mai bisogno di una casa che lo potesse accogliere e di qualcuno che lo aiutasse a perdere peso.

Fortunatamente per Lasagna, Twitter è stato di grande aiuto e solo 24 ore dopo il messaggio postato, il rifugio per animali ha annunciato che il gatto aveva trovato una nuova casa nel New Jersey.

 

Coloro che hanno raccontato la storia di Lasagna si augurano ora che questa ispiri altre famiglie ad adottare animali con bisogni speciali, in particolare i gatti, che tendono a ricevere meno attenzioni dei cani.

Fonti: NBC Philadelphia / Twitter

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Basilio Petruzza ha conseguito la laurea triennale in Lettere, indirizzo Musica e Spettacolo, e la laurea magistrale in Dams, indirizzo Teatro-Musica-Danza. È uno scrittore e blogger, ha pubblicato due romanzi e ha un blog.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook