Trovati ‘fossili’ nel DNA dell’uomo, ereditati dai primi animali vissuti oltre 550 milioni di anni fa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gli umani di oggi condividono geni con creature oceaniche prive di teste , vissute mezzo miliardo di anni fa

Lite tra elefanti

Siamo più simili agli animali di quanto immaginiamo. Una nuova ricerca condotta dagli scienziati dell’Università della California Riverside ha trovato “fossili” nel DNA umano ereditati da animali vissuti oltre 550 milioni di anni fa.

Ci sentiamo superiori a loro, li sfruttiamo, ma siamo parenti e somigliamo agli animali più di quanto abbiamo ipotizzato finora. La nuova ricerca rivela infatti che siamo addirittura simili ai primi animali vissuti sulla Terra, gli antenati dei molluschi. Creature oceaniche vissute 555 milioni di anni fa, nel periodo Ediacarano, condividono i geni con gli animali di oggi, compresi gli esseri umani.

“Nessuno di loro aveva teste o scheletri. Molti di loro probabilmente sembravano tappetini da bagno tridimensionali sul fondo del mare, dischi rotondi che si bloccavano”, ha detto Mary Droser, professoressa di geologia all’UCR. “Questi animali sono così strani e così diversi, è difficile assegnarli a categorie moderne di organismi viventi solo guardandoli, e non possiamo estrarre il loro DNA”.

Tuttavia, i reperti fossili ben conservati hanno permesso a Droser e al primo autore dello studio, il dottorando dell’UCR Scott Evans, di collegare l’aspetto degli animali e i probabili comportamenti all’analisi genetica degli esseri viventi attuali. La loro ricerca è stata pubblicata sulla rivista Proceedings of the Royal Society B .

Per la loro analisi, i ricercatori hanno considerato quattro animali rappresentativi delle oltre 40 specie identificate dall’era Ediacarana. Queste creature avevano dimensioni variabili da pochi millimetri a quasi un metro di lunghezza. Quattro sono state quelle esaminate: Kimberella, Dickinsonia, Tribrachidio e Ikaria.

Le Kimberella erano a forma di lacrima con un’estremità ampia e arrotondata e una stretta che probabilmente raschiava il fondo del mare per cercare il cibo con una sorta di proboscide. La Dickinsonia era caratterizzata da una forma ovale con una serie di bande rialzate sulla superficie. Vi era il Tribrachidio che trascorreva tutta la vita immobilizzato sul fondo del mare. L’analisi ha preso in esame anche gli Ikaria, animali scoperti di recente. Questi ultimi avevano all’incirca le dimensioni e la forma di un chicco di riso.

dna uomo fossili

©Droser Lab/UCR

Si trattava di organismi multicellulari che avevano un’altra sorprendente caratteristica: erano in grado di riparare parti del corpo danneggiate attraverso un processo noto come apoptosi. Qui iniziano le somiglianze con l’uomo. I geni alla base della loro apoptosi sono gli stessi elementi chiave del sistema immunitario umano, capaci di eliminare le cellule infettate da virus e tumori.

“Il nostro lavoro è un modo per mettere questi animali sull’albero della vita”, ha detto Droser. “E mostra che sono geneticamente legati agli animali moderni e a noi.”

Simili ad animali privi di teste, vissuti mezzo miliardo di anni fa.

Fonti di riferimento: UCR,  Proceedings of the Royal Society B

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook