Dodo: sequenziato per la prima volta l’intero DNA del mitico uccello estinto che ora potrebbe essere riportato in vita

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il famoso uccello incapace di volare potrebbe tornare in vita grazie alla scienza. E' questo il progetto portato avanti da alcuni esperti che hanno studiato da tempo l'animale ed il suo DNA, volendo ora ripristinarlo geneticamente

Tutti quanti hanno sentito parlare almeno una volta nella vita del dodo, il Raphus cucullatus, l’uccello incapace di volare che però nessuno di noi ha mai conosciuto, essendosi estinto nel XVII secolo circa 100 anni dopo essere stato avvistato per la prima volta. Colpevole della sua scomparsa la distruzione del suo habitat, ma anche l’impossibilità di sfuggire agli attacchi dei predatori, non essendo in grado di volare.

Di questa specie endemica delle Mauritius si conservano oggi le ossa ed il DNA che sono stati esaminati da diversi team di ricercatori in tutto il mondo per poter ampliare le conoscenze in merito e scoprire nuovi dettagli sulla brevissima storia di questo animale. (Leggi anche: Svelati i segreti del Dodo: si estinse 350 anni fa per colpa dell’uomo)

La biologa Beth Shapiro della UC Santa Cruz aveva infatti confermato che il genoma di un dodo era stato sequenziato dal suo team ed ora la loro ricerca verrà pubblicata interamente presso Museo di storia danese di Copenaghen. L’intento è riportare in vita l’animale mediante un processo di de-estinzione che però per gli uccelli non appare per nulla facile.

I mammiferi sono più semplici, se ho una cellula e vive in laboratorio e la modifico in modo che contenga un po’ di DNA di dodo, come faccio a trasformare quella cellula in un intero animale vivente che respira? Il modo in cui possiamo farlo è tramite la clonazione, lo stesso approccio utilizzato per creare la pecora Dolly ma non sappiamo come farlo con gli uccelli a causa della complessità dei loro percorsi riproduttivi. Quindi deve esserci un altro approccio per gli uccelli e questo è un ostacolo tecnologico davvero fondamentale per l’estinzione. Ho pochi dubbi sul fatto che ci arriveremo, ma è un ulteriore ostacolo per gli uccelli che non abbiamo per i mammiferi”

ha affermato la professoressa Shapiro, autrice del libro “How To Clone A Mammoth”, che ha presentato il suo lavoro sul dodo in una conferenza web della Royal Society dal titolo Can we bring animals back from extinction?.

Fonte: The Royal Society

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook