Costa diffida la Regione Sardegna per aver autorizzato la caccia in giorni di ‘silenzio venatorio’

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il ministro Sergio Costa diffida la Regione Sardegna per aver autorizzato la caccia in giorni di "silenzio venatorio"

Il ministro Sergio Costa diffida la Regione Sardegna per aver autorizzato la caccia oggi, 8 dicembre 2020, giorno di “silenzio venatorio” ai sensi della legge 11 febbraio 1992, n. 157.

L’ha fatto sapere su facebook dove ha scritto:

“Ho appreso che la regione Sardegna ha autorizzato la caccia oggi 8 dicembre 2020, nonostante si tratti di una giornata di “silenzio venatorio” ai sensi della legge 11 febbraio 1992, n. 157. Nei giorni di martedì e venerdì l’esercizio dell’attività venatoria è in ogni caso sospeso, in quanto trattasi di giornate di fermo della caccia.”

Ha quindi sottolineato che la Regione Sardegna non ha rispettato le disposizioni nazionali in materia venatoria causando danno al patrimonio indisponibile dello Stato:

“Di conseguenza ho fatto diffidare la Regione dall’autorizzare qualsiasi attività che risulti in contrasto con le chiare disposizioni nazionali in materia venatoria, richiamando sin d’ora le precise responsabilità per il danno al patrimonio indisponibile dello Stato.”

https://www.facebook.com/SergioCostaMinistroAmbiente/posts/1017496048760774

Un’autorizzazione davvero assurda!

FONTE: Facebook

Ti potrebbe interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook