Cicogna bianca fucilata mentre costruiva il nido per i suoi piccoli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

E’ stata uccisa con una scarica di pallini esplosa da un fucile ad aria compressa. Questa la tragica fine della cicogna bianca trovata morta a inizio luglio nella frazione del Comune di Zelo Buon Persico (Lodi), la conferma arriva dall'Istituto Zooprofilattico sperimentale della Lombardia e dell'Emilia-Romagna, sezione di Lodi.

E’ stata uccisa con una scarica di pallini esplosa da un fucile ad aria compressa. Questa la tragica fine della cicogna bianca trovata morta a inizio luglio nella frazione del Comune di Zelo Buon Persico (Lodi), la conferma arriva dall’Istituto Zooprofilattico sperimentale della Lombardia e dell’Emilia-Romagna, sezione di Lodi.

Uccisa in volo mentre faceva avanti e indietro per costruire il nido per i suoi piccoli nel campanile di un oratorio. Durante l’autopsia, i veterinari hanno trovato nell’addome della cicogna bianca, un pallino sparato da arma ad aria compressa, e anche nel collo è stato rinvenuto un foro, oltre alle gravi lesioni e fratture provocate dalla caduta a terra.

Un gesto criminale avvenuto nel cortile dell’Oratorio Ss. Filippo e Giacomo di Mignete, ma che ancora non ha un colpevole. Ricordiamo che la cicogna bianca è una specie particolarmente protetta. L’episodio era stato denunciato dalla Lipu-BirdLife Italia, dopo il ritrovamento del corpo della cicogna da parte di Davide Ferrari, responsabile dell’oratorio.

L’esemplare, un adulto, apparteneva alla coppia che nella frazione stava portando a termine la nidificazione, avendo ancora tre giovani nel nido realizzato proprio sul campanile dell’oratorio.

“Un gesto ingiustificato, ignobile e vigliacco, perpetuato non si sa da chi e per quale oscuro motivo-denuncia Aldo Verner, presidente della Lipu-BirdLife Italia – “Siamo certi che le autorità giudiziarie sapranno risalire al responsabile, o responsabili, del grave atto di bracconaggio, per il quale già da ora annunciamo la richiesta di costituirci parte civile nell’auspicabile processo”.

La Lipu ha lanciato la petizione #StopBracconaggio per fermare il massacro degli animali. “Non c’è tempo da perdere, sconfiggiamo assieme la pratica crudele del bracconaggio, per il bene della natura”.

FIRMA QUI LA PETIZIONE

Leggi anche:

 

Dominella Trunfio

Foto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook