Pup Up Cafe: i discutibili eventi dedicati ai proprietari di carlino o bulldog francese

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I Pup Up Caffè sono eventi in cui i proprietari di Carlino, Bulldog francese (ma anche altre razze di cani) si incontrano per socializzare

Mai sentito parlare dei Pup Up Caffè? Probabilmente no dato che si svolgono soprattutto all’estero. Si tratta di eventi a cui possono partecipare solo i proprietari di determinate razze di cani (ovviamente accompagnati dai loro amici a 4 zampe), in questo caso di carlino e bulldog francese.

Sulla descrizione dei nuovi eventi di caffè Pop Up si legge che i proprietari di Carlino e Bulldog francese potranno presto condividere un “Puppuccino” con il loro animale domestico preferito e tante altre persone appassionate delle stesse tipologie di cani. Di cosa si tratta esattamente? Di due eventi specifici per queste razze, ideati per far incontrare i cani tra loro ma anche per far socializzare i loro proprietari.

Generalmente serate come queste (a pagamento ovviamente)  raccolgono fino a 150 cani e i prossimi appuntamenti, dedicati appunto ai Carlino e, successivamente, ai Bulldog francese, sono in programma al Revolution Sheffield, a Sheffield nel Regno Unito.

I proprietari di cani che vogliono partecipare devono prenotare in anticipo un biglietto per loro stessi e per i loro cagnolini, anche se il biglietto del loro animale domestico è gratuito.

Cosa si fa esattamente in questi incontri? I cani giocano e mangiano biscottini offerti gratuitamente mentre i proprietari si scambiano informazioni tra loro (potete immaginare che l’argomento più gettonato è proprio la gestione dei  cani, la loro personalità, l’alimentazione specifica, la cura e tutto il resto).

Sono previste anche competizioni per gli animali meglio vestiti (!) e spesso sono presenti stand con prodotti per animali. Non mancano ovviamente le foto goliardiche e di gruppo che poi i partecipanti si scambiano o postano sui social.

Eventi come questi vengono proposti un po’ in tutto il Regno Unito e ovviamente coinvolgono anche altri cani (ma sempre e solo divisi per razza e dunque trovatelli e meticci sono automaticamente esclusi).


Un’iniziativa carina o triste? A voi la scelta.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook