Maggie, la cagnolina abusata e resa cieca ora regala coccole e abbracci

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dopo aver subito terribili abusi come il taglio di un orecchio ed essere stata colpita con dei proiettili, questa cagnolina adesso sta bene ed è ufficialmente un cane che offrirà coccole in un programma di pet therapy.

Dopo aver subito terribili abusi come il taglio di un orecchio ed essere stata colpita con dei proiettili, questa cagnolina adesso sta bene ed è ufficialmente un cane che offrirà coccole in un programma di pet therapy.

Abusata per lungo tempo, Maggie è una cagnolina che viveva per le strade libanesi. Era stata trovata in fin di vita dalla Wild At Heart Foundation che si è presa cura di lei con amore e assistenza.

Maggie era stata colpita da alcuni proiettili mentre era incinta. Adesso è cieca e senza un orecchio, ma nonostante questo secondo i veterinari che l’hanno assistita, ha sempre mostrato empatia e forza d’animo.

Così dopo il periodo di riabilitazione ha iniziato un percorso per diventare un animale di compagnia e assistenza a Brigton. Sul profilo Instagram aperto dalla sua proprietaria Kasey Carline e che ha più di 100mila follower, si legge che Maggie ha passato il corso ed è a tutti gli effetti un cane della pet therapy! Sappiamo bene quanto affetto possono darci gli amici a quattro zampe che diventano un valido sostegno per le persone fragili, con notevoli benefici sia sul piano fisico che su quello psicologico.

Adesso insieme a Kasey andrà nelle scuole per sensibilizzare i più piccoli contro il maltrattamento degli animali.

Leggi anche:

 

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook