Uno studio spiega l’amicizia tra delfini, capaci di coltivare legami forti e duraturi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I delfini maschi creano alleanze con i loro simili e coltivano l'amicizia grazie al contatto fisico e alla comunicazione, perché questo offre loro maggiori possibilità di riprodursi

I delfini maschi sono noti per le loro alleanze, create per pattugliare il territorio e per radunare le femmine fertili.

Il comportamento di questi mammiferi viene studiato da oltre 40 anni per capire la loro organizzazione e i legami tra diversi esemplari. Nel corso degli anni si è capito che i delfini sono in grado di comunicare tra loro attraverso un linguaggio specifico con cui riescono a mettersi in contatto anche a lunghe distanze.

Ora, i ricercatori hanno scoperto che la rete sociale dei delfini, ha un grande vantaggio evolutivo: i delfini con più amici riescono infatti a generare più prole.

L’amicizia tra esemplari maschi in natura non è così diffusa. In genere i maschi competono per il territorio e per le femmine e molto raramente collaborano tra loro.

I delfini maschi sono una delle poche eccezioni e iniziano a formare relazioni tra loro poco dopo aver lasciato la madre, a circa tre anni. A quel punto creano alleanze con i loro simili, con i quali non sono imparentati.

I rapporti tra delfini vengono coltivati e nutriti attraverso il contatto fisico e la comunicazione.

I delfini infatti rafforzano i loro legami chiamandosi con fischi caratteristici che imparano dalla madre e che servono loro a identificarsi. Quando un delfino chiama un altro delfino, il secondo risponde entro un secondo con un altro fischio e questo scambio fortifica il loro legame.

Leggi anche: I delfini parlano tra loro come gli esseri umani, la scienza lo conferma

La comunicazione può avvenire anche se i due animali si trovano a una distanza pari o superiore ai dieci metri. I fischi sono molto specifici e, se un delfino prova a imitare quello di un altro suo simile, il fischio viene percepito come “inaffidabile” e non ottiene risposta.

Altro aspetto interessante è che la comunicazione avviene solo tra esemplari dello stesso gruppo, così come il contatto fisico.

Ma perché i delfini creano alleanze tra loro? Allearsi in gruppi offre più probabilità di conquistare una femmina e riprodursi, come emerge da questo nuovo studio.

Grazie alle alleanze, si gruppi che includono al massimo 14 maschi, che combattono per le femmine contro altri gruppi. Le alleanze possono durare per decenni e a volte comprendono anche più di un gruppo.

La ricerca, portata avanti dalla biologa Livia Gerber, dell’Università del New South Wales e dai suoi colleghi ha analizzato i fattori capaci di influenzare positivamente la riproduzione dei delfini maschi.

Studiando i dati raccolti in 30 anni su 10 alleanze composte da 85 maschi, sono stati identificati i maschi 2più popolari”, cioè quelli con i legami più forti e numerosi con altri maschi.

Proprio questi maschi, quelli con più amici, avevano il maggior numero di discendenti. La quantità di legami contribuirebbe dunque al successo riproduttivo e sarebbe questo il motivo che spinge i delfini a creare una rete sociale e a coltivarla.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonti di riferimento: Science

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook