Kjeragbolten, l’enorme masso incastonato sul fiordo norvegese

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Su un fiordo norvegese trionfa un gigantesco e antichissimo masso, incastrato in un crepaccio a oltre 1000 metri slm. Si tratta del Kjeragbolten, un blocco di pietra imperdibile per qualunque escursionista visiti il Paese

Nella Norvegia dei fiordi, terra di cultura scandinava, paesaggi naturali mozzafiato e folletti, sulla cima di Kjerag a oltre 1000 metri sul livello del mare si trova un gigantesco masso incastrato in un crepaccio.

È il Kjeragbolten, una attrazione imperdibile non solo per gli escursionisti di tutto il mondo ma anche per gli appassionati di base jumping. Qui turisti e arrampicatori attendono di poter fotografare il blocco di pietra che ha reso la zona ancora più famosa e i più temerari di farsi immortalare sul masso.

Il Kjeragbolten è un masso molto antico. Basterà pensare che risale alla fine dell’ultima glaciazione, ben oltre 10.000 anni fa. Al tempo tutto la Norvegia era completamente ricoperta di ghiaccio e questo masso faceva infatti parte di un ghiacciaio.

A causa del terribile cambiamento climatico che interessò il nostro Pianeta mettendo fine all’era glaciale, i ghiacciai norvegesi iniziarono a sciogliersi. Fu così che questo masso cuneiforme fu “liberato”.

Da allora il blocco di pietra è rimasto nella sua attuale posizione, su un dislivello naturale di 984 metri. Per ammirarlo e godere della vista spettacolare da lassù si percorrono circa 10 km. Il sentiero si snoda tra i tornanti a partire dall’alpeggio Øygardstølen. L’escursione è considerata impegnativa ed è sconsigliata ai bambini.

L’altopiano in cui il masso si trova non è dei più facili da raggiungere. Si suggerisce perciò di valutare l’ipotesi di affidarsi a una guida esperta. Il periodo migliore per visitarlo in autonomia è assolutamente nel pieno dell’estate. Da giugno a settembre il Kjeragbolten attende i suoi visitatori.

Da ottobre in poi la strada che porta al Kjeragbolten viene chiusa per via della neve e nei mesi primaverili la zona è invece accessibile solo agli escursionisti con apposito equipaggiamento, accompagnati da guida.

Fonte: VisitNorway

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook