#lavalacqua: come funziona il dispositivo Suzuki che cattura le microplastiche in mare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La plastica rappresenta uno dei peggiori inquinanti che vi siano sulla faccia della Terra ed è presente in tante forme, tutte estremamente dannose per il nostro ecosistema. Dalle profondità oceaniche alle vette delle montagne più alte del mondo, gli esseri umani hanno inquinato il nostro Pianeta con milioni di minuscoli frammenti di plastica

Una bella storia

Ormai pervade tutti gli oceani, ma le microplastiche sono maggiormente concentrate nel Mediterraneo e nell’Oceano Indiano, dove soffocano i mammiferi marini e si accumulano nei pesci e nei frutti di mare che spesso finiscono nei nostri piatti.

Rallentare il flusso dell’inquinamento da plastica nei nostri mari e nei nostri oceani è fondamentale. Dobbiamo smettere di produrne così tanta usa e getta che finirà per uccidere la vita marina, e che inevitabilmente porterà danni non quantificabili anche alla nostra salute.

#lavalacqua: il dispositivo Suzuki che ripulisce l’acqua del mare

Ci sono sempre più aziende che si stanno impegnando sotto questo fronte, ed una di queste è la Suzuki, che ha sviluppato un nuovissimo dispositivo: #lavalacqua (Suzuki Micro Plastic Collector), premiato con l’Innovation Award al Salone Nautico di Genova del 2021. Si tratta di un particolare sistema di filtraggio applicato ai fuoribordo in grado di catturare le microplastiche presenti in acqua durante la navigazione, restituendo così acqua pulita all’ambiente.

Come ci ha illustrato il Presidente di Suzuki Italia, Massimo Nalli:

Le cose semplici sono quelle geniali, e la sempicità di questo sistema in effetti è il suo punto di forza, i motori fuoribordo tutti, funzionano usando l’acqua del mare per raffreddare il motore e quindi sembra lapalissiano filtrare l’acqua mentre la si utilizza per raffreddare il motore, ecco questo filtro che raccoglie particelle molto piccole, può fermare le tanto famigerate microplastiche, le microplastiche sono uno dei problemi degli oceani e dei mari e si trovano ormai diffuse in tutto il Globo.

Il motore marino, che utilizza l’acqua per raffreddarsi, fa passare quest’acqua in un circuito aggiuntivo in mezzo al quale è posizionato il filtro che raccoglie le microplastiche, dopodiché la rimette in mare pulita.

La mostra MareMoto 4.0

mostra mare moto

Suzuki Italia con uno spazio dedicato al suo #lavalacqua è partner della mostra MareMoto 4.0 di Alessandro Zannier, la temporanea, curata da Virginia Monteverde in collaborazione con ARTantide Gallery per il Movimento Arte Etica e con il CNR, Istituto di ingegneria del Mare di Genova.

Una mostra, relativa allo stato di salute del mare, questa di Alessandro Zannier, che coniuga scienza, arte e tecnologia, nata dal confronto tra il lavoro concettuale dell’artista e i big data ambientali forniti dal CNR trasformati in installazioni visive, sonore, musicali e pittoriche.

La mostra è stata inaugurata il 23 luglio e sarà visitabile fino al 3 settembre 2022 presso il Galata Museo del Mare.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Per suggerimenti, storie o comunicati puoi contattare la redazione all'indirizzo redazione@greenme.it

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook