Il K2 è diventato una discarica di rifiuti, le immagini sono terrificanti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Anche il K2 è travolto dai nostri rifiuti: la Nimsdai Foundation, lanciata dall’alpinista Nirmal Purja a sostegno delle montagne e le comunità nepalesi, ha annunciato che quest’anno sono necessari gli “straordinari” per ripulire questo immenso patrimonio naturale

Il K2 è una discarica di rifiuti: la Nimsdai Foundation, lanciata dall’alpinista Nirmal Purja a sostegno delle montagne e le comunità nepalesi, dovrà fare gli “straordinari” per ripulire questo immenso patrimonio naturale. Non abbiamo più parole.

K2 è l’abbreviazione di Karakorum 2: con i suoi 8609 metri di altitudine è la seconda vetta più alta della Terra dopo l’Everest, e si trova nella subcatena del Karakorum, al confine tra la parte del Kashmir controllata dal Pakistan e la Provincia Autonoma Tagica di Tashkurgan di Xinjiang, in Cina.

È ora di agire – scrive la Fondazione sulla propria pagina Instagram – La spazzatura sul K2 al Campo 2 quest’anno era così orribile che il nostro fondatore ha quasi vomitato a causa dei terribili odori. Cibo in decomposizione e rifiuti umani, vecchie tende e corde che scendono a cascata dal fianco della montagna, congelate nel ghiaccio e lisciviate nelle falde acquifere

E così si dovrà mandare sulla montagna una squadra con lo scopo di far tornare a splendere uno dei patrimoni naturalistici più belli al mondo. Perché tanti non hanno voluto fare la minima fatica di portare via i propri rifiuti.

La Fondazione ha dovuto lanciare il progetto dedicato #BigMountainCleanup: tornare sul K2 l’anno prossimo con un team più grande per farlo tornare a splendere.

Leggi anche: L’eroica alpinista che in tre anni ha ripulito l’Everest raccogliendo 8,5 tonnellate di rifiuti

Il prossimo anno vogliamo avere una squadra con il compito di pulire a tempo pieno e rimuovere le corde vecchie, usate e pericolose – conclude la Fondazione – Questo sarà un progetto impegnativo e costoso a causa della lontananza del K2 e dei permessi e salari a tempo pieno per il team che lavora con noi, (che dovrà essere ricompensato molto bene per quello che verrà tolto, la stagione di arrampicata sul K2)

Ma perché si deve sempre arrivare a questo?

Seguici su Telegram Instagram Facebook TikTok Youtube

Fonte: Nimsdai Foundation/Instagram

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook