Fukushima: primo via libera delle autorità giapponesi al rilascio delle acque della centrale nucleare nell’oceano

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si avvicina la data del rilascio delle acque della centrale nucleare di Fukushima nell'Oceano Pacifico. Oggi l'Autorità di regolamentazione del nucleare del Giappone ha concesso la prima autorizzazione al piano della TEPCO, che partirà nella primavera del 2023

È arrivato il primo via libera da parte dell’Autorità di regolamentazione del nucleare del Giappone (NRA) al rilascio delle acque della centrale di Fukushima-Daichi nell’Oceano Pacifico. Per l’ente giapponese il piano proposto dalla Tokyo Electric Power (Tepco), società che gestisce l’impianto danneggiato dal violento terremoto e dal conseguente tsunami del 2011, non presenterebbe problemi di sicurezza.

Per la decisione ufficiale, però, bisognerà attendere circa un mese, periodo in cui il programma sarà sottoposto ad una revisione pubblica. Tuttavia, l’ipotesi che l’operazione venga bloccata è molto remota. L’approvazione da parte del NRA è arrivata proprio mentre il direttore generale dell’AIEA (Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica) Rafael Grossi si trovava in Giappone per valutare il piano. Grossi ha ribadito al ministro dell’Economia giapponese Koichi Hagiuda che il programma della Tepco è in linea con gli standard internazionali dell’industria nucleare e che lo sversamento delle acque usate per raffreddare la centrale di Fukushima non rappresenta un pericolo per la salute pubblica.

Leggi anche: E alla fine le acque radioattive di Fukushima finiscono in mare, il Governo ha deciso

Quando inizierà lo sversamento delle acque della centrale di Fukushima nell’Oceano Pacifico

Ma cosa prevede esattamente il piano della Tepco e quando inizierà l’operazione? Il rilascio delle acque della centrale dovrebbe iniziare nella primavera del 2023. L’acqua contaminata dalle radiazioni è stata filtrata attraverso un avanzato sistema di trattamento dei liquidi. Tuttavia, il trizio, un isotopo radioattivo dell’idrogeno, non può essere eliminato. Secondo il governo giapponese e l’operatore della centrale di Fukushima, il trizio non sarebbe pericoloso per la salute umana, se presente in basse concentrazioni. E sulla sicurezza (sia per l’uomo che per la fauna marina) sembrano concordare anche gli scienziati.

Tuttavia, per smaltire correttamente 1,25 milioni di tonnellate di acqua (usate per raffreddare i reattori danneggiati dall’incidente), appositamente trattata e stoccata in migliaia di cisterne nell’impianto, sarà necessario costruire un tunnel sottomarino.

Contro il piano si sono mobilitati i Paesi vicini, in particolare la Corea del Sud e la Cina che avevano chiesto al governo giapponese di ripensarci. Diversi i gruppi ambientalisti, tra cui Greenpeace, hanno tentato di fermare l’operazione, proponendo soluzioni alternative. Ma le proteste non hanno portato a nulla.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: TEPCO/Reuters

Su Fukushima ti potrebbero interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook