45 Paesi si impegnano con 4 miliardi per favorire l’agricoltura sostenibile, ma sarà sufficiente?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Governi, agricoltori ed imprese sottoscrivono un piano per proteggere il territorio e rendere la nostra alimentazione più sostenibile

Governi, agricoltori ed imprese sottoscrivono un piano di azioni urgenti per proteggere il territorio e rendere la nostra alimentazione più sostenibile per il futuro

Circa un quarto delle emissioni di gas serra mondiali derivano dallo sfruttamento del terreno per scopi agricoli, e ciò rende necessaria una riforma nel modo in cui produciamo e consumiamo il cibo per provare ad arrestare gli effetti del cambiamento climatico. Ecco perché 45 governi nazionali, guidati dal Regno Unito, hanno firmato sabato scorso un piano di azioni urgenti e di investimenti da più di 4 miliardi di dollari volti a proteggere la natura e favorire il passaggio verso metodi agricoli più sostenibili e rispettosi degli ecosistemi.

Le attività agricole contribuiscono fortemente alle emissioni di CO2 nell’atmosfera. Per questo, se vogliamo davvero limitare l’aumento delle temperature globali a +1,5°C entro la fine del secolo, dobbiamo agire in ogni parte della società, inclusi i sistemi di gestione degli ecosistemi e di produzione di cibo su scala mondiale – ha spiegato George Eustice, Segretario di Stato per l’ambiente, l’alimentazione e gli affari rurali del Regno Unito.

Il Regno Unito ha pianificato di investire almeno 3 miliardi di sterline in interventi a sostegno della natura e della biodiversità – compresi 500 milioni per la protezione di cinque milioni di ettari di foresta pluviale dalla deforestazione. Ma non solo: il fondo sosterrà le “agende” nazionali che i vari governi hanno immaginato per creare sistemi alimentari più sostenibili. Fra i paesi firmatari dell’impegno ci sono India, Giappone, Stati Uniti, Germania, Marocco, Etiopia e Vietnam.

Questo accordo è solo uno dei tanti che sono stati siglati durante la prima settimana della Conferenza delle Parti di Glasgow (altri per esempio includono lo stop ai finanziamenti all’industria del carbone o la fine della deforestazione entro il 2030). Tuttavia, qualcuno si chiede se accordi come questo possano rivelarsi davvero efficaci per contrastare la crisi climatica, visto che non tutti i Paesi sono disposti a firmarli – anzi, proprio i Paesi maggiormente responsabili di inquinamento e emissioni sono quelli più restii a “mettere la firma” in favore della difesa dell’ambiente.

Inoltre, le associazioni ambientaliste sostengono che un accordo del genere si occupi di questioni superficiali e non tenga conto dei reali problemi alla base del sistema alimentare globale – come gli allevamenti intensivi e la produzione di carne e latticini, principali responsabili della deforestazione e delle emissioni di gas serra. Intaccare questi sistemi produttivi rappresenterebbe davvero la svolta nel contrasto al cambiamento climatico, ma richiederebbe allo stesso tempo una trasformazione dei sistemi economici che i governi e le aziende non sembrano intenzionati a intraprendere.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: UK Government

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook