Cop26, “se falliamo, i bambini ancora non nati non ci perdoneranno”: Boris Johnson va dritto al punto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il Pianeta si trova ora a "un minuto a mezzanotte": così Johnson ha aperto ufficialmente i lavori della Cop26

Cerimonia d’apertura ufficiale del vertice sul clima di Glasgow, Boris Johnson ha dato il benvenuto ai molti capi di stato e di governo e ha ammesso: l’umanità deve agire ora per affrontare la crisi

Il Pianeta si trova ora a “un minuto a mezzanotte”: così Johnson ha aperto ufficialmente i lavori della Cop26, rivolgendo subito un pensiero alle generazioni future:

Le persone che ci giudicheranno sono bambini non ancora nati e i loro figli – ha detto. Non dobbiamo scherzare con le nostre battute o perdere tempo. Se falliamo, non ci perdoneranno. Ci giudicheranno con un’amarezza e un risentimento che eclissano qualsiasi attivista del clima di oggi. E avranno ragione.

L’appello è arrivato quando il primo ministro ha paragonato la crisi climatica a un film di James Bond, tranne che “la tragedia è che questo non è un film e il dispositivo del giorno del giudizio è reale.

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook