Guardarsi negli occhi per ritrovare l’empatia, il flash mob che ci aiuta a restare umani

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

A far ritrovare l’empatia e i rapporti umani nel mondo reale, a creare situazioni e trasmettere emozioni, a Berlino ci pensa il World’s Biggest Eye Contact Experiment, il più grande esperimento di contatto visivo in cui la tecnologia si mette da parte e ci si guarda negli occhi.

A far ritrovare l’empatia e i rapporti umani nel mondo reale, a creare situazioni e trasmettere emozioni, a Berlino ci pensa il World’s Biggest Eye Contact Experiment, il più grande esperimento di contatto visivo in cui la tecnologia si mette da parte e ci si guarda negli occhi.

Sabato 29 ottobre a Brandenburger Tor dalle 13 alle 16, infatti, si svolgerà un grandissimo flash mob pubblico in cui tutti e non solo gli organizzatori, potranno partecipare. Lo scorso anno, sono state coinvolte oltre 100mila persone provenienti da 140 città diverse.

L’evento berlinese è organizzato dai volontari del Theauthentics, ma il World’s Biggest Eye Contact Experiment è un evento internazionale che ha come fondatore l’australiano Peter Sharp che da sempre, promuove iniziative orientate al tema della libertà.

Esperimenti simili sono stati fatti anche in altri paesi europei e in Italia a Roma e Milano.

LEGGI anche: 10 CARATTERISTICHE E BUONE ABITUDINI DELLE PERSONE DAVVERO SPECIALI

flash mob berlino

Il tutto funziona in maniera molto semplice, alla data, luogo e orario stabilito, chiunque può creare il proprio angolo di empatia, ci si può portare una sedia, un cuscino o semplicemente sedersi a terra, si può fare un cartello per spiegare l’iniziativa o lasciare un velo di mistero. L’obiettivo è quello di trovare una persona che si sieda di fronte in silenzio e guardandosi negli occhi ci si colleghi emotivamente l’uno l’altro.

LEGGI anche: A LONDRA APRE IL MUSEO DELL’EMPATIA PER SCOPRIRE IL MONDO CON LE ‘SCARPÈ DEGLI ALTRI

Se è vero che gli occhi sono lo specchio dell’anima, attraverso questo esperimento, si riuscirà a comunicare con sconosciuti anche senza dirsi una sola parola. È un esercizio che abbatte la timidezza e le differenze sociali, crea relazioni e permette di scollegarsi dal mondo a favore di una sfera intima con l’altra persona.

È vero non è semplicissimo, ma non si è obbligati a partecipare. Farlo però significa mettersi alla prova nella vita reale e non solo in quella virtuale.

Tutti gli aggiornamenti dell’evento sulla pagina Facebook

Dominella Trunfio

Foto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook