Cop26, 20 Paesi verso stop finanziamenti ai combustibili fossili all’estero (senza l’Italia)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Almeno 20 Paesi hanno raggiunto un accordo per lo stop ai finanziamenti di progetti con combustibili fossili all'estero. E l'Italia?

Almeno 20 Paesi hanno raggiunto un accordo per lo stop ai finanziamenti di progetti con combustibili fossili all’estero. Si sono impegnati, cioè, a smettere di finanziare progetti esteri di combustibili fossili, sebbene l’impatto dell’accordo sia minato dall’assenza di Paesi chiave. E tra questi indovinate quale?

Sarà ufficialmente annunciato oggi a Glasgow l’accordo che già al G2o di Roma era trapelato, quello di mettere fine ai finanziamenti internazionali delle centrali e degli impianti a carbone. L’accordo sarebbe il primo a includere anche i progetti alimentati con greggio e gas, ma chi l’ha sottoscritto?

A far parte dell’alleanza saranno, molto probabilmente, anche gli Stati Uniti, mentre – secondo indiscrezioni di Bloomberg – a non firmare sarà proprio l’Italia, insieme con Cina e Giappone. Il nostro Paese, dicono da fonti interne, co-presidente dei colloqui sul clima della Cop26, avrebbe di fatto rifiutato di firmare.

Il patto non è vincolante e consentirebbe comunque un supporto limitato per le iniziative straniere di combustibili fossili. Esclude alcuni dei maggiori finanziatori di progetti sui combustibili fossili e consente esenzioni. Ma segna un ulteriore inasprimento del flusso di denaro dalle banche pubbliche per lo sviluppo al petrolio, al gas e al carbone.

Secondo quest’accordo, inoltre, le Nazioni mirano a fermare l’uso della produzione di energia elettrica a carbone negli anni 2030 e 2040 e hanno concordato di porre fine agli investimenti nel settore sia a livello nazionale che all’estero.

Si saprà tutto definitivamente oggi. 

Leggi tutto sulla Cop26.

Seguici su Telegram Instagram Facebook TikTok Youtube

Fonte: Bloomberg 

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook