Benzina dal whisky! La startup scozzese che trasforma gli scarti della distillazione in carburante per auto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L'azienda Celtic Renewables in Scozia ha trovato un modo per trasformare gli scarit della distillazione del whiskey in carburante per auto.

Un’azienda scozzese ha creato un carburante per auto riciclando i sottoprodotti della produzione di whisky.

Sapevi che solo il 10% di ciò che esce da una tipica distilleria è whisky? Il restante 90% sono per lo più sottoprodotti organici, costosi da smaltire.

L’Azienda biotecnologica globale Celtic Renewables, con sede a Edimburgo, in Scozia, ha trovato un modo innovativo per fare della spazzatura una preziosa risorsa, sviluppando un processo per trasformare i rifiuti organici in prodotti chimici e biocarburanti a bassa emissione di carbonio, rendendo l’industria del whisky più sostenibile e aiutando a far crescere l’economia verde scozzese.

Il professor Martin Tangney OBE, fondatore e presidente di Celtic Renewables, spiega come funziona il processo e come le industrie di tutto il mondo possono trarne vantaggio:

La produzione del whisky prevede solo tre semplici ingredienti: orzo, lievito e acqua. L’acqua viene utilizzata per estrarre lo zucchero dall’orzo, quindi viene aggiunto il lievito per far fermentare quest’acqua zuccherina in un alcol. Infine, l’alcol viene distillato e lasciato maturare in botti di rovere fino a quando non sviluppa i meravigliosi e pregiati sapori del whisky.

Sembra abbastanza semplice, ma alla fine del processo, alle distillerie rimangono grandi quantità di due sottoprodotti: la birra alla spina e la pot ale. La birra è l’orzo residuo rimasto dopo l’estrazione dello zucchero e la pot ale è il brodo rimasto nell’alambicco dopo che l’alcol è stato distillato.

Questi residui vengono prodotti in grandi volumi e il loro smaltimento può essere molto costoso; così l’azienda ha trovato un modo in cui questi materiali biologici possono essere trasformati in qualcosa di valore. Come? Grazie alla fermentazione ABE. 

Il processo di fermentazione acetolo-butanolo-etanolo (ABE) è stato sviluppato per la prima volta nel Regno Unito durante la prima guerra mondiale. È stata una delle più grandi industrie biologiche del mondo fino agli anni ’60, quando è stata superata dall’industria petrolchimica in rapida espansione.

Nel 2007, il professor Martin Tangney ha creato il Centro di ricerca sui biocarburanti presso la Napier University di Edimburgo per studiare come la fermentazione ABE può essere utilizzata al fine di creare biocarburanti sostenibili dai residui di whisky organico.

Grazie alla nostra intensa attività di ricerca e sviluppo, siamo stati in grado di sviluppare la tecnologia brevettata a basse emissioni di carbonio che è ora al centro delle operazioni di Celtic Renewables.

In sostanza, questa tecnologia consente di combinare materie prime di basso valore come la birra alla spina e la pot ale per creare una nuova materia prima, dalla quale si possono estrarre prodotti di alto valore e a basse emissioni di carbonio, ovvero acetone, butanolo e etanolo. Queste sostanze biochimiche svolgono un ruolo importante nella nostra vita quotidiana e sono utilizzate in molti settori, da quello alimentare e cosmetico a quello farmaceutico e dei prodotti per l’igiene

Questa tecnologia infatti può essere applicata all’industria alimentare, all’agricoltura e a qualsiasi altra industria che produce rifiuti organici, contribuendo alla crescita di un’economia circolare di vasta portata.

Il professor Tangne spiega:

 Prevediamo una nuova bioeconomia innovativa per la Scozia e lo sviluppo di grandi bioraffinerie in tutto il mondo che riducano gli sprechi creando opportunità di business. È così che Celtic Renewables sta aiutando la Scozia – e il mondo – a muoversi verso un’economia circolare, sostenibile a basse emissioni di carbonio.

Per quanto riguarda la COP26:

Spero che ottenga molto. Spero che ci aiuti ad arrivare allo zero emissioni netto. Spero che raggiungiamo tutti gli obiettivi. Questa deve essere la COP in cui smettiamo di parlare del motivo per cui dobbiamo affrontare il cambiamento climatico creare una strategia.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Leggi anche: 

 
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Redattrice su temi della sostenibilità sociale e ambientale. Laureata con lode in filosofia, ha conseguito un master di II livello in Rendicontazione Innovazione e Sostenibilità. Ha maturato esperienza nella comunicazione e nell’organizzazione di eventi presso enti profit e no profit.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook