La deforestazione in Amazzonia dipende anche dall’Italia (e dal nostro consumo di soia), il report

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Allevamenti intensivi e produzione di soia da esportare sono responsabili della distruzione della foresta amazzonica, secondo l’associazione

Allevamenti intensivi e produzione di soia da esportare sono responsabili della distruzione della foresta amazzonica, secondo l’associazione ambientalista, e l’Italia è tra i paesi maggiormente colpevoli perché grande importatore del legume

La soia è, insieme agli allevamenti intensivi di bestiame destinato al consumo umano, la principale responsabile della distruzione della foresta amazzonica brasiliana. E la questione non è così lontana dalle nostre vite, visto che l’Italia è fra i maggiori importatori al mondo di questo legume. È quanto denuncia il report dell’associazione Greenpeace Brasil che, in collaborazione con il popolo indigeno dei Karipuna, ha monitorato l’area boschiva di Rondônia per osservare i motivi della sua distruzione.

Con oltre 48mila tonnellate di soia proveniente dalla Rondônia, nel 2020 l’Italia è stata il terzo principale importatore dell’Ue dopo Paesi Bassi e Spagna, e tra i primi cinque principali importatori di soia dallo stato brasiliano a livello internazionale – si legge nel report. – Tra gennaio e settembre di quest’anno l’Italia ha importato dalla Rondonia quasi 23mila tonnellate di soia, posizionandosi come quinto importatore dell’UE e tra i primi 10 importatori a livello internazionale.

Come si legge nel rapporto, l’allevamento del bestiame da macello nella regione è cresciuto dell’87% negli ultimi nove anni, mentre il terreno dedicato alla coltivazione della soia è più che triplicato nello stesso periodo (da 111.000 ettari a oltre 400.000 ettari coltivati). Oltre alle politiche poco attente alla sostenibilità portate avanti dal presidente brasiliano Bolsonaro, una grave minaccia è rappresentata dal fenomeno della deforestazione illegale, che ogni anno cresce sempre più: solo nell’ultimo anno sono stati 850 gli ettari di foresta distrutti illegalmente (+44% rispetto ai dodici mesi precedenti). Questo selvaggio depauperamento della terra su larga scala non minaccia solo l’ecosistema e la sopravvivenza di piante e animali, ma anche la vita delle popolazioni indigene che nella foresta vivono – come il popolo Karipuna: la terra degli indigeni compre un’area di 152.000, circondata da allevamenti intensivi che hanno l’hanno penetrata a più riprese a partire dal 2015, con più di 5.000 ettari di foresta già distrutti negli ultimi sei anni.

(Leggi anche: L’Amazzonia brasiliana entra nel Guinness dei Primati, ma purtroppo è per il record di distruzione)

Il governo del Brasile chiude gli occhi sui criminali ambientali – denuncia Oliver Salge, di Greenpeace Brasil. – Mentre il mondo cerca disperatamente soluzioni alla crisi climatica alla COP 26, il Brasile sta facendo esattamente il contrario e permette ai criminali di invadere aree protette e distruggere le case delle popolazioni indigene.

@ Greenpeace Brasil

Come se non bastasse, il recente monitoraggio di Greenpeace in Rondônia ha individuato un nuovo fronte di deforestazione nella regione in prossimità del fiume Formoso, nel sud-est del territorio degli indigeni (finora lontano dai grandi centri di sfruttamento illegale e non ancora coinvolto nelle attività di land grabbing – “accaparramento della terra” da parte degli sfruttatori). Tra agosto 2020 e luglio 2021, la regione del fiume Formoso ha registrato 510,3 ettari deforestati, il 65% del totale della nuova deforestazione verificata all’interno della terra indigena di Karipuna durante l’intero anno. Di questo totale, il 94,7% (483,77 ettari) è stato disboscato nel 2021, tra gennaio e giugno di quest’anno.

Il monitoraggio della foresta, effettuato da noi insieme ai nostri partner, ci aiuta a capire cosa succede all’interno della nostra terra ed è fondamentale per denunciare attività illegali – afferma il leader della comunità indigena, Adriano Karipuna. – Lo Stato deve attuare un piano di protezione permanente del nostro territorio, con l’obiettivo di porre fine alle invasioni e ai furti di legname dal nostro bosco. La crisi climatica inizia qui, con i territori indigeni che vengono saccheggiati, i popoli indigeni attaccati mentre un governo negligente e connivente non svolge il suo ruolo di proteggere la nostra gente e le risorse naturali.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Greenpeace Brasil

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook