La bimba siriana che rideva sotto le bombe è salva e potrà avere una nuova vita

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La storia della bimba che rideva per le bombe ha un lieto fine perché insieme ai genitori si è trasferita in Turchia sana e salva.

Era diventata celebre per un video girato dal papà, Selva, la bambina siriana che rideva sotto le bombe pensando che fosse un gioco. E ora la sua storia ha avuto un lieto fine perché ha raggiunto la Turchia con i genitori, dove rimarrà a vivere. Si stabiliranno nella provincia di Hatay nel sud-est del paese dopo essere fuggiti dalla provincia siriana di Idlib, sotto assedio.

Il padre di Selva, Abdullah Mohamad, dopo il primo video girato sotto le bombe, è stato filmato in un video girato al confine tra Siria e Turchia dall’Agenzia di stampa turca Anadolu e ripreso dalla Reuters:

“Spero che presto la guerra in Siria finisca e che io sia in grado di tornare”. 

Non si tratta dell’unica famiglia ad aver abbandonato la provincia di Idlib a causa della guerra, altre 900.000 persone avrebbero abbandonato la regione nel frattempo, secondo le Nazioni Unite.

Stando all’Hrw, Human Rights Watch World Report 2019, la guerra civile in Siria è iniziata nel 2011 causando oltre 500.000 morti fino a marzo 2018.

FONTE: Twitter

Ti potrebbe interessare anche:

I bambini siriani stanno morendo di freddo. La tragedia umanitaria più grave del mondo non fa rumore

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook