Rosalie Edge, l’attivista e suffragette che ha cambiato la storia delle donne e quella della fauna selvatica

Rosalie Edge non era la tipica conservazionista. Era stata cresciuta per diventare una signora dell'alta società, ma la sua tenacia e le sue forti convinzioni hanno portato a grandi risultati come attivista. 

Attivista e suffragette, Rosalie Edge ha fondato l’Hawk Mountain Sanctuary in Pennsylvania ed è stata la prima donna americana a ottenere il plauso nazionale come ambientalista. Nata nel 1877 a New York da una famiglia benestante, diventa una suffragette dopo l’incontro con l’attivista per i diritti delle donne Lady Rhondda.

Partecipa così a tutte le battaglie più importanti dei primi anni del Novecento contribuendo all’emanazione del diciannovesimo emendamento della Costituzione degli Stati Uniti nel 1920, che ha dato alle donne il diritto di voto. La seconda battaglia della sua vita è stata quella per la fauna selvatica. Ottenuta la vittoria nel movimento del suffragio femminile, Rosalie Edge si dedica al birdwatching e compila un elenco di oltre 800 specie di uccelli.

Così, quando nel 1929 riceve un opuscolo che denunciava il grave problema della caccia rispetto alla conservazione delle specie, l’attivista critica apertamente la National Association of Audubon Societies (NAAS), un’organizzazione per la conservazione della fauna selvatica che permetteva la caccia nelle loro terre di proprietà in Louisiana.

Fonda il Comitato per la conservazione delle emergenze e diventa paladina contro la caccia e pro leggi a tutela della fauna selvatica e la natura in generale. Quando nelle montagne Kittatinny nella Pennsylvania orientale, Rosalie Edge vede dei falchi morenti inizia la sua campagna di raccolta fondi per acquistare i terreni e creare il “Hawk Mountain Sanctuary“, un santuario della conservazione ancora attivo che salva gli uccelli selvatici, li protegge e conduce programmi educativi.

Rosalie Edge non era la tipica conservazionista. Era stata cresciuta per diventare una signora dell’alta società, ma la sua tenacia e le sue forti convinzioni hanno portato a grandi risultati come attivista. Usando le competenze acquisite durante la campagna per il suffragio femminile, Rosalie ha scritto lettere, pubblicato opuscoli e fatto pressioni sul Congresso, mettendo a punto strategie che sono state essenziali per le organizzazioni di conservazione oggi. Il suo stile spesso conflittuale creava nemici oltre che ammiratori e portò un articolo del New Yorker del 1948 a descriverla come “la Hellcat più onesta, altruista e indomabile nella storia della conservazione”.

Rosalie Edge è stata una delle ambientaliste più attive del XX secolo, è riuscita a farsi spazio in un ambiente all’epoca inconsueto per le donne. Con la sua tenacia e il suo coraggio è riuscita a denunciare frodi di presunte organizzazioni di conservazione e ha contribuito alla tutela della fauna selvatica. La sua eredità oggi è ancora viva e il santuario è il primo rifugio al mondo per i rapaci. Da 85 anni i visitatori possono immergersi in questo habitat naturale perché l’Hawk Mountain educa il pubblico a preservare i rapaci nelle immediate vicinanze così come in tutto il paese e nel mondo.

Leggi tutte le altre storie delle donne che hanno cambiato il Pianeta e la società, donne che a volte hanno perso la vita pur di perseguire le proprie idee, donne grazie alle quali il nostro presente è migliore, CLICCA QUI

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: The famous people

Leggi anche altre storie di grandi donne:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Iscriviti alla newsletter settimanale
Seguici su Facebook