Gigantesco albero di 400 anni salvato dagli abitanti di un villaggio indiano: volevano abbatterlo per costruire un’autostrada

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gigantesco albero di 400 anni salvato dagli abitanti di un villaggio indiano: volevano abbatterlo per costruire un'autostrada.

Ha 400 anni l’albero di Banyan salvato dalla comunità di Boshe, nello stato del Maharasthra. Gli abitanti si sono opposti con fermezza alla decisione di abbatterlo per la costruzione di un’autostrada.

A dare la notizia dello scampato pericolo è stata la stessa agenzia governativa che realizza autostrade, la National Highway Authority of India (NHAI), che in seguito alle pressioni ha deciso di tagliarne soltanto qualche ramo.

L’albero in questione è un gigantesco Banyan, noto ai botanici come Ficus benghalensis, un albero ritenuto sacro che tramite rami e radici aeree copre un’area di 400 metri.

Per salvarlo, gli abitanti lo hanno presieduto 24 ore su 24 organizzandosi in gruppi di vigilanza e hanno anche lanciato una campagna sui social coinvolgendo i pellegrini in visita a un tempio nelle vicinanze.

Anche il ministro dello stato all’Ambiente, Aaditya Thackeray, ha aderito alla campagna rivolgendosi direttamente al governo centrale per chiedere che non venisse abbattuto.

Unendo le forze, gli abitanti di Boshe sono riusciti fortunatamente nell’intento!

FONTI: The Indian Express

Ti potrebbe interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook