giardino fiori

Il vostro giardino è sotto l’assedio di antipatici parassiti o animaletti infestanti? Date inizio ad una vera e propria lotta biologica!

La lotta biologica è un sistema di difesa totalmente naturale volto ad eliminare gli ospiti sgraditi presenti in giardino oppure nell’orto. Il grande vantaggio è quello di poter combattere le infestazioni parassitarie impiegando predatori naturali (insetti entomofagi) senza dover ricorrere a prodotti chimici. Coltivare un orto biologico o praticare giardinaggio in modo completamente naturale significa rispettare l’ambiente e prendersi cura di se stessi tutelando il proprio raccolto.

Tra gli insetti utili a mantenere in salute il nostro angolo verde sono sicuramente da annoverare le api e le coccinelle. Le prime sono preziosissime perché tramite l’impollinazione dei fiori favoriscono la loro riproduzione (biodiversità), garantiscono lo sviluppo di frutta e di alcune verdure. Inoltre, le api sono anche in grado di allontanare gli insetti molesti come le zanzare. Le coccinelle invece rappresentano il miglior alleato nella lotta biologica che Madre Natura ha messo a nostra disposizione. Questi graziosissimi animaletti si nutrono infatti di insetti fitofagi (i.e. che si nutrono delle piante) come afidi, cocciniglia ed acari.

Per riuscire ad attirare in giardino questi piccoli ma validissimi “aiutanti” è necessario coltivare differenti specie vegetali così da ricreare la corretta biodiversità per un perfetto habitat. Esistono tante piante (officinali, ornamentali ed aromatiche) e fiori molto belli che vi aiuteranno a richiamare questi utili insetti. Ecco allora dieci varietà di piante e fiori dai colori e dimensioni più disparate da poter seminare o piantare nel proprio giardino!

 

1. Rosmarino

rosmarino

È la pianta aromatica per eccellenza! Specie vegetale arbustiva, perenne, rustica che raggiunge altezze di 50 - 300 cm. Caratterizzata da radici profonde, foglie lineari-lanceolate e fiori di colore lilla-indaco. Per crescere al meglio necessita di posizioni soleggiate al riparo dai venti gelidi e terreni sabbiosi ben drenati. Si può coltivare anche in vaso avendo cura di porre dei cocci sul fondo per un drenaggio ottimale. Viene considerata una delle piante che le api amano di più. Nella stagione primaverile, in prossimità della fioritura, sentirete i suoi fiori letteralmente “ronzare”!

2. Lavanda

 
lavanda

La lavanda è un’altra specie vegetale amatissima dalle nostre amiche api. Piccolo arbusto aromatico, sempreverde e rustico a portamento eretto (50 cm circa). Le foglie sono piccole, opposte e lineari. I fiori si presentano di un colore azzurro-violetto e sono riuniti in infiorescenze terminali. Fioriscono tra fine primavera ed inizio estate (Giugno - Luglio) emanando il caratteristico ed intenso profumo. Per crescere prediligono climi temperati e terreni asciutti e leggeri. Motivo per cui la lavanda nasce spontaneamente in molte zone del Mediterraneo. Anche questa pianta può essere coltivata in vaso, purché all’aperto in quanto ama particolarmente le posizioni soleggiate.

3. Tulipano

tulipani

I tulipani sono fiori stupendi e colorati appartenenti alla famiglia delle Liliacee. Queste loro caratteristiche così vivaci li rendono uno dei fiori preferiti delle api! Possono essere coltivati singolarmente, in vaso oppure in gruppo disposti in aiuole. Necessitano di molto sole e di un terreno leggero e ben drenato. Il bulbo si pianta in autunno e la fioritura avviene ad inizio primavera.

4. Erba cipollina

erba cipollina

Si tratta di una pianta aromatica e ornamentale nella fase di fioritura. L’aspetto di questa specie vegetale è erbaceo perenne con un’altezza che varia dai 15 ai 50 cm. Le foglie sono radicali, strette ed allungate. Le infiorescenze sono a forma di “ombrelle” emisferiche composte da 10 - 30 piccoli fiori rosa-lilla di cui gli insetti sono ghiottissimi, soprattutto le api! L’erba cipollina cresce facilmente sui prati umidi e torbosi con terreni ricchi ma leggeri. Fiorisce a partire dal mese di Maggio.

5. Margherita

margherita

La margherita è una pianta cespugliosa coltivata a scopo ornamentale sia in vaso sia in giardino per abbellire angoli rocciosi. Caratterizzata da foglie dentellate di colore verde brillante e da fiori bianchi o gialli formati da lunghi petali ovali che fanno da contorno ad un grosso disco centrale. Quest’ultimo presenta una colorazione gialla intensa ed è composto da numerose sacche polliniche che favoriscono l’impollinazione. Facile intuire come le api siano fortemente attratte da questi bellissimi fiori. Fioriscono da Maggio a Settembre, amano i climi temperati e luoghi luminosi. Se coltivata in balcone, andrebbe posta in un angolo riparato e ben illuminato. Predilige terreni fertili, ricchi, umidi e ben drenati.

6. Potentilla

 
pontetilla

Le potentille sono piante erbacee dai vivacissimi fiori gialli, rossi o rosa particolarmente attraenti per le coccinelle. Sarà sufficiente un singolo cespuglio per circondarvi di questi graziosi insetti! La famiglia a cui appartengono le potentille è quella delle Rosacee e comprende numerose specie perenni ed annuali. È coltivabile sia in vaso sia nel terreno e presenta foglie di un colore che passa dal verde al blu. I fiori cominciano ad intravedersi verso Marzo e restano fino ad Ottobre. È una pianta che ama posizioni fortemente soleggiate, nonostante resista bene al freddo.

7. Tarassaco

tarassaco

Il tarassaco o dente di leone è una pianta erbacea officinale molto diffusa in Italia. Si trova principalmente nei luoghi erbosi ed areati caratterizzati da terreni umidi. Le foglie sono semplici, oblunghe, lanceolate e dal margine dentato. Il tarassaco è facilmente riconoscibile per i suoi capolini floreali di colore giallo intenso che si chiudono al calar del sole. I capolini sono infiorescenze formate da un insieme di piccoli fiori. La fioritura avviene in primavera (Aprile - Maggio) ma si può prolungare fino a Settembre. Predilige climi temperati anche se non è una pianta particolarmente esigente dato che può crescere lungo i bordi delle strade. Per coltivare il tarassaco in vaso non occorrono particolari terricci, sarà sufficiente il comune terreno che si trova negli orti. Per consentire un migliore drenaggio è preferibile porre sul fondo uno strato di argilla espansa di circa 2 cm. Il dente di leone è tra i fiori più amati dalle coccinelle.

8. Fiordaliso 

fiordaliso

Anche il fiordaliso attira tantissimo le coccinelle! Particolarmente apprezzato come pianta ornamentale per i suoi splendidi fiori dalle sfumature blu. Viene infatti piantato per abbellire balconi, giardini ed aiuole. Predilige climi temperati e la fioritura avviene tra la primavera ed estate. Coltivare il fiordaliso in giardino o in vaso è piuttosto semplice poiché supporta una certa variabilità di terricci. L’importante è predisporre sul fondo del vaso un letto di cocci o ghiaia per favorire il deflusso dei liquidi. La semina può avvenire dalla fine di febbraio all’estate inoltrata, grazie alla grande varietà temporale e climatica a cui il fiore può adattarsi.

9. Geranio

geranio

I gerani sono tra le piante ornamentali più conosciute e coltivate per dare un tocco di colore a balconi, terrazzi e giardini. Oltre ad essere piuttosto resistenti, questi fiori sono delle vere e proprie calamite per le coccinelle! Sono caratterizzati da foglie lobate e da fiori dai colori vivacissimi (rosso intenso, rosa, viola, ecc). Il geranio ama le zone soleggiate ma fate però attenzione perché un’esposizione prolungata al sole può deteriorare la pianta. Il periodo migliore per la semina è la primavera e si adattano facilmente a tutti i tipi di terreno purché gli venga assicurato un buon drenaggio dell’acqua per evitare che le radici possano marcire.

10. Calendula

calendula

Un’altra pianta che attira particolarmente le nostre amiche coccinelle è proprio la calendula. Si tratta di una pianta erbacea officinale dalle foglie oblunghe, spesse e di un verde lucente. Gradiscono zone soleggiate, terreni ricchi e soffici. I fiori sono dei capolini caratterizzati da una colorazione che va dal giallo intenso all’arancione. La fioritura avviene in primavera-estate e la semina può partire nei mesi primaverili. Per essere coltivata in terra o vaso, la calendula necessita di posizioni soleggiate ed areggiate.

geronimo stilton

G.Stilton testimonial per Conad

Il popolare topo è testimonial del concorso di scrittura sull'ambiente organizzato da Conad con il WWF. Scopri perché

Orticolario 2018

Fiera Orticolario 2018

Dal 5 al 7 ottobre a Villa Erba (lago di Como) apre la fiera per un giardinaggio evoluto. Tutti gli eventi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
settimana riduzione rifiuti 2018
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram