@Khongkit Wiriyachan/123rf

Antitrust, Poltronesofà dovrà pagare una sanzione 1 un milione di euro per pubblicità ingannevole

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ammonta a un milione di euro la sanzione che dovrà pagare Poltronesofà, marchio italiano leader nella produzione di divani e poltrone. Il motivo? Aver diffuso campagne nel corso del 2020 campagne pubblicitarie ingannevoli e omissive sui contenuti delle offerte proposte. La multa inflitta dall’Antitrust riguarda la durata temporale, l’estensione delle promozioni e l’entità degli sconti promessi. 

Le promozioni nel mirino dell’Antitrust

Doppi saldi doppi risparmi – sconto 50% + fino a 40% su tutta la collezione + 48 mesi senza interessi

Nello specifico, l’Antitrust ha accertato la scorrettezza della promozione “Doppi saldi doppi risparmi – sconto 50% + fino a 40% su tutta la collezione + 48 mesi senza interessi”, diffusa nel periodo compreso tra il 4 gennaio e il 9 febbraio 2020. In primo luogo, è emerso che le condizioni effettive di vendita limitavano l’applicazione delle percentuali di sconto pubblicizzate soltanto ad alcuni divani in catalogo e con la composizione e il rivestimento esposto in negozio. In secondo luogo, Poltronesofà ha diffuso messaggi in cui l’offerta “48 mesi senza interessi” è stata promossa in un primo momento con scadenza al 9 febbraio 2020. L’azienda ne ha prima anticipato la scadenza al 19 gennaio 2020 per poi ripresentarla con l’originaria scadenza fissata al 9 febbraio.

“Si tratta di un comportamento che può far pensare al consumatore di doversi affrettare all’acquisto perché l’offerta sta per scadere, privandolo così del tempo necessario per prendere una decisione consapevole” evidenzia L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM).

Supervalutiamo il tuo divano fino a 1.500 Euro

Inoltre, per quanto riguarda la promozione “Supervalutiamo il tuo divano fino a 1.500 Euro”, diffusa nel periodo tra il 14 maggio e il 15 giugno 2020, l’Antitrust ha verificato che in realtà si trattava di uno sconto percentuale fisso – fino ad un importo massimo di 1.500 euro – già incluso nel prezzo di vendita riportato sul cartellino. Ciò significa che in effetti lo sconto era garantito a tutti i clienti, a prescindere dalla valutazione di un eventuale divano usato.

25% di sconto + un altro 25% su tutta la collezione

Infine, è stata accertata anche l’ingannevolezza della promozione “25% di sconto + un altro 25% su tutta la collezione”, diffusa nel periodo 3-27 settembre 2020, in riferimento all’entità dello sconto promesso, all’effettiva applicabilità dello sconto a “tutta la collezione” e alla scadenza reclamizzata della promozione.

“Per quest’ultimo aspetto, in particolare, la ripetizione – nel periodo di validità della promozione – di affermazioni quali “cosa aspettate c’è tempo solo fino a domenica” e “cosa aspettate c’è tempo solo fino a domani”, è apparsa idonea a convincere i consumatori che fosse necessario affrettarsi all’acquisto per la prossima scadenza della promozione” si legge sul sito dell’AGCM.

Secondo l’Antitrust, tali comportamenti integrano una pratica commerciale scorretta in violazione degli articoli 20, 21, comma 1, lettere b) e d) e 22, comma 2, e 23, comma 1, lett. g), del Codice del Consumo. E otre al pagamento della multa pari a 1 milione di euro, Poltronesofà dovrà anche pubblicare un estratto del provvedimento sui quotidiani Corriere della Sera e Il Resto del Carlino.

Fonte: AGCM

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
eBay

Dall’iPhone al Samsung, i migliori smartphone da acquistare ricondizionati

eBay

Come scegliere la migliore piscina fuori terra per giardino o terrazzo

Consorzio del Prosecco

Salvaguardia della biodiversità e superfici destinate a siepi e boschetti: il contributo del Consorzio del Prosecco

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook