Oggi è la Giornata mondiale dello yoga 2018: tutte le iniziative

yoga day

Oggi 21 giugno è l’International Yoda Day 2018, la Giornata internazionale dedicata allo yoga. Come ogni anno, non a caso l’arrivo dell’estate coincide con queste celebrazioni.

A partecipare saranno 193 paesi in tutto il mondo. Un’iniziativa promossa e voluta dal premier indiano Narendra Modi, esperto yogi, e ufficializzata nel 2014 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Una delle mosse diplomatiche più astute di Modi fu proprio quella di chiedere alle Nazioni Unite una giornata ufficiale per celebrare lo Yoga come pratica che promuove il benessere e il progresso a livello globale.

“Porgo i miei più sinceri auguri ai praticanti di Yoga in tutto il mondo in occasione della Giornata internazionale dello Yoga. Ai nostri giorni, possiamo constatare che così come lo yoga connette il corpo, la mente, l’intelletto e l’anima dell’individuo, esso sta creando , sempre più, una connessione tra tutti i popoli del mondo intero. Tutti vogliono vivere una vita priva di dolore e malattia, una vita piena di felicità e lo Yoga è l’unico cammino per ottenere questi traguardi, esso è un mezzo per sperimentare e vivere una vita olistica in piena armonia. Yoga non è solo esercizio fisico o fitness, Yoga è migliorare il proprio stile di vita, è la riscoperta del senso di unità e di armonia con se stessi, il mondo e la natura. Lo Yoga è simbolo della ricchezza culturale dell’India, uno dei doni più preziosi che gli antichi saggi indiani hanno regalato a tutta l’Umanitàsono le parole di Modi.

Gli obiettivi della Giornata internazionale dello yoga

Non solo legati allo yoga in senso stretto, gli obiettivi di questa giornata coinvolgono il benessere fisico, psichico, i rapporti umani, quelli con la Natura e la lotta ai cambiamenti climatici. Eccoli riassunti qui di seguito:

  1. Riunire più nazioni possibile nella pratica comune dello yoga
  2. Promuovere la non violenza e l’amicizia tra i popoli
  3. Far conoscere a tutti gli effetti dello yoga sulla salute
  4. Aiutare le persone a combattere lo stress della vita moderna
  5. Cambiare positivamente lo stile di vita delle persone aumentando i livelli di benessere
  6. Favorire la pratica della Meditazione
  7. Valorizzare e stimolare la crescita, lo sviluppo e la diffusione dei valori di pace in tutto il mondo
  8. Aumentare gli standard di salute fisica e mentale e promuovere il diritto alla salute
  9. Rafforzare i legami tra le comunità multietniche
  10. Ritrovare un senso di unione e armonia con la Natura
  11. Essere più consapevoli dei cambiamenti climatici e contribuire alla salute del pianeta
international yoga day

Perché il 21 giugno, insieme al solstizio d’estate?

Una scelta ovviamente non casuale. Scientificamente il 21 giugno è il giorno del Solstizio d’Estate, quello col maggior numero di ore di sole nell’emisfero Nord. Una data significativa per molte nazioni del mondo, dal Canada all’Iran, che in questa giornata celebrano una loro festività.

In India è un giorno molto importante perché per la mitologia indiana il 21 giugno può essere considerato come la nascita della Scienza dello Yoga: si crede che proprio questo giorno segni tradizionalmente quello in cui Shiva, che non è visto come un dio, bensì come Adi Yogi, il primo Yogi e Adi Guru, iniziò a trasmettere la disciplina dello Yoga ai suoi allievi e discepoli. Va inoltre considerata anche l’importanza del sole nello Yoga.

yoga-day

International Yoga Day in Italia

Come ogni anno, numerose saranno le iniziative da Nord a Sud. Strade, piazze, parchi, oltre alle varie scuole di yoga, celebreranno questa giornata con concerti e canti.

A Genova si terrà la quarta edizione dello Yoga Day Genova. A Milano, Anna Inferrera e Antonio Nuzzo organizzeranno lezioni all’Arena Civica Gianni Brera assieme a Yoga Festival mentre a Roma vi sarà un raduno in Piazza del Campidoglio.

Anche Padova festeggerà lo Yoga Day al Parco della Musica mentre Napoli ospiterà una serie di iniziative che proseguiranno anche nei prossimi giorni.

Sullo yoga leggi anche:

Francesca Mancuso

Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Coop

Le bottigliette d’acqua riciclate del Jova Beach Party diventano t-shirt sportive

Salugea

Come fare incetta di vitamina D in inverno per evitare una carenza

Caffè Vergnano

Regali di Natale: un’idea personalizzata e green per la persona che ami

Florena Fermented Skincare

Cosmetici naturali fermentati: cosa sono e perché sono così efficaci per la cura del viso

Seguici su Instagram
seguici su Facebook